Home | Pagine di storia | Alcide De Gasperi | «Ripensare la comunità» con Marco Aime, sabato 26 giugno

«Ripensare la comunità» con Marco Aime, sabato 26 giugno

Dalla Fondazione De Gasperi la lezione per immaginare il futuro delle terre alte

image

>
Dopo un percorso, iniziato lo scorso 5 giugno, ricco di incontri e confronti, di interrogativi e di testimonianze, sabato prossimo giunge a compimento il ciclo dei Rifugi del pensiero – Destinazione Tesino, promosso dalla Fondazione Trentina Alcide De Gasperi per andare oltre le retoriche che riguardano le terre alte e stimolare una riflessione condivisa sul futuro dei territori periferici di montagna, rimasti ai margini dello sviluppo turistico di massa.
L’ultimo incontro proposto si carica del compito di chiudere il cerchio: dopo aver rivisitato le narrazioni più in voga della montagna, riflettuto sul potenziale dei territori naturali ancora preservati dall’eccessiva presenza umana e dal consumo del suolo e dell’ambiente e aver passato in rassegna alcune testimonianze di sviluppo sostenibile realizzate in contesti montani, la sfida è ora capire come sia possibile portare a sistema le belle visioni emerse e renderle proposta concreta e modello percorribile.
Una sfida affidata all’esperienza e alla sensibilità di uno dei più grandi antropologi culturali italiani, Marco Aime, amante e studioso della civiltà della montagna, che nell’evento in programma sabato 26 giugno alle 20.45 al Cinema Teatro di Castello Tesino porterà l’attenzione su un soggetto collettivo rimasto finora sullo sfondo del percorso: le comunità.
 
Se infatti, «anche in questa era dei non luoghi e dell’eterno presente, il bisogno di comunità resta», questo è tanto più vero parlando di territori difficili e fragili come la montagna, dove la mancanza di un orizzonte condiviso rischia di vanificare ogni pur lodevole sforzo di innovazione e sviluppo, confinandolo entro iniziative individuali, che non bastano però a risolvere il problema.
«Perché allora non provare a ricostruire un «noi» fondato su autentici legami di prossimità?» si chiederà Marco Aime, che sul tema della rigenerazione delle comunità ha molto studiato e scritto, animato dalla convinzione che «riscoprire il valore della condivisione significa superare l’impoverimento umano e culturale a cui ci porta la solitudine della competizione a ogni costo, del possesso come marchio di successo.»
L’appuntamento conclusivo di «Rifugi del Pensiero» diviene così un’occasione per mettersi in discussione e per rivedere il nostro stesso modo di concepirci come cittadini, corresponsabili e protagonisti dell’autodeterminazione dei nostri territori.
 
 Posti e prenotazioni 
L’incontro è a ingresso gratuito, ma la prenotazione sarà obbligatoria a causa delle prescrizioni sanitarie vigenti. È possibile prenotare il proprio biglietto, fino ad esaurimento dei posti disponibili, esclusivamente online attraverso la piattaforma Eventbrite dal link pubblicato sul sito della Fondazione (www.degasperitn.it), nella sezione dedicata all’evento.
La registrazione della serata sarà resa disponibile sul canale Youtube e sul sito della Fondazione.
Amante della montagna in tutti i suoi aspetti, Marco Aime è forse il più noto antropologo culturale italiano. Ha visto nascere la sua passione e i suoi interessi di studio tra i panorami delle alte quote: docente universitario, saggista e scrittore, è uno dei più accreditati specialisti delle dinamiche del turismo responsabile e della vita delle comunità montane.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni