Home | Pagine di storia | Memoria | La resistenza sui monti del Tesino

La resistenza sui monti del Tesino

Ricordato il 76° anniversario del rastrellamento sulle Cime di Rava

Il canto di «Bella Ciao» è risuonato sabato mattina sui monti del Tesino, ai piedi delle Cime di Rava, nei pressi dei 2032 metri del lago di Costabrunella dove il 15 settembre del 1944 reparti nazisti e del Corpo di Sicurezza Trentino hanno operato un rastrellamento con l'obiettivo di distruggere il distaccamento partigiano del Battaglione «Gherlenda».
Al richiamo dell'Anpi hanno risposto oltre una quarantina di donne e uomini per rendere onore al sacrificio del comandante «Fumo» e di altri due giovani partigiani impegnati a ritardare i soldati tedeschi per consentire al grosso del rep sganciarsi.
Tra di loro anche «Ora» e «Veglia», Ancilla Marighetto e Clorinda Menguzzato, le due giovani donne del Tesino trucidate nei mesi seguenti dai nazisti e decorate con la Medaglia d'oro al Valore Militare, riconosciuta a sole altre 17 donne italiane.
 
Nel ricordare questo evento il Presidente dell'Anpi di Trento Enrico Paissan ha sottolineato il coraggio di quelle giovani e di quei ragazzi che incuranti del pericolo hanno difeso l'onore e l'indipendenza della Patria e dello stesso Trentino che dopo l'armistizio dell'8 settembre 1943 era stato annesso di fatto al Terzo Reich.
«Duole rimarcare – ha continuato Paissan – che proprio nella terra dove questi uomini e queste donne si sono battute e molte sono cadute persista talvolta un incomprensibile velo di imbarazzante silenzio, se non proprio di ostilità, come ci si dovesse vergognare della scelta di quanti in condizioni tanto difficili hanno alzato la bandiera della libertà e della democrazia, pagando spesso con la loro stessa vita.»
 
Al contrario, ricordare ed onorare questo episodio, che si iscrive a pieno titolo nella generosità dell'impegno di tanti valorosi giovani, deve rappresentare l'occasione per un rinnovato impegno a difendere i valori costituzionali della democrazia e della solidarietà, in un mondo e nel nostro stesso Paese in un tempo nel quale tendono a riemergere mai sopite tentazioni autoritarie proprie del vecchio passato.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni