Home | Pagine di storia | Memoria | Anteprima di «Jacques Austerlitz» al Melotti di Rovereto

Anteprima di «Jacques Austerlitz» al Melotti di Rovereto

Il giorno della Memoria, 28 gennaio, ci sarà anche il regista del film che riflette sul senso della Shoah raccontando il turismo di massa nei campi di sterminio nazisti

image

Una memoria senza pudore: farsi il selfie davanti al lager.
 
L’impressionante ultimo capolavoro di Loznitsa e l’incontro con l’autore ucraino saranno l’evento centrale del nuovo «#Supersabato al Polo» appuntamento in collaborazione con Centro Servizi Culturali S. Chiara, Mart e Biblioteca Civica Tartarotti e Nuovo Cineforum di Rovereto, sabato 28 febbraio presso l’Auditorium Melotti di Rovereto.
Auzterlitz propone un'osservazione dei visitatori dell'ex campo di concentramento di Sachsenhausen, 35 chilometri a Nord di Berlino.
Loznitsa, durante una calda giornata estiva, piazza una telecamera ad altezza d'uomo e registra: il percorso turistico che le persone seguono per visitare il campo è lo stesso che facevano i prigionieri di un tempo.
Qualcuno passeggia tra i viali delimitati dai dormitori, altri scattano selfie all'interno dei forni crematori, altri ancora consumano il pranzo al sacco sul lastricato che separa la strada dalle fosse comuni.
 
Eppure Loznitsa non fornisce una lettura semplicistica né giudizi univoci: propone una riflessione vera sul senso della testimonianza e della memoria della Shoah. E induce a chiedersi: cosa farei se il turista fossi io?
Già acclamato alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia e al Toronto Film Festival 2016, oltre che nei tanti altri festival internazionali dov’è stato presentato fin qui, Austerlitz viene coraggiosamente distribuito in Italia da Lab80, che per l’occasione porterà Loznitsa in alcune città, tra cui Bologna, Milano e Rovereto, per permettere al pubblico di sentire direttamente dalla sua voce origine e motivazioni di un film unico. 
 

Il regista Loznitsa.
 
Ha detto Sergei Loznitsa: «L’idea di fare questo film mi è venuta perché visitando questi luoghi ho sentito subito una sensazione sgradevole nel mio essere lì. Sentivo come se la mia stessa presenza fosse eticamente discutibile e avrei voluto davvero capire, attraverso il volto delle persone, degli altri visitatori, come ciò che guardavano si riflettesse sul loro stato d’animo.»
Il titolo del film è ispirato all'omonimo romanzo dello scrittore tedesco W.G. Sebald, pubblicato nel 2001 e dedicato alla ricerca delle proprie origini, e della propria memoria, da parte del personaggio protagonista Jacques Austerlitz.
 
Il primo appuntamento con Loznitsa sabato 28 gennaio a Rovereto sarà alle 18.00 nello spazio «Basement» dell’Auditorium Melotti, per un incontro alla scoperta del suo cinema, a ingresso libero.
L’anteprima di Austerlitz al Melotti è in programma alle 21.00, e sarà seguita da un incontro con l’autore.
Biglietto intero € 5,00, ridotto (ragazzi e tesserati Nuovo Cineforum) € 3,00.
La cassa dell'Auditorium Melotti a Rovereto sarà aperta dalle ore 16.00.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni