Home | Pagine di storia | Memoria | Ricordo dei partigiani caduti a Costabrunella, nel Tesino

Ricordo dei partigiani caduti a Costabrunella, nel Tesino

Ricordato il sacrificio del comandante «Lupo», caduto il 15 settembre del 1944 nel corso del rastrellamento dei reparti nazisti

Erano oltre 40 i rappresentanti dell'Anpi che sabato si sono recati sui monti del Tesino, ai 2 mila metri del lago di Coatabrunella per onorare la memoria di Isidoro Giacomini, il leggendario comandante del «Battaglione Gherlenda», nome di battaglia «Lupo», caduto il 15 settembre del 1944 nel corso del rastrellamento dei reparti nazisti e del Cst, il Corpo di sicurezza trentino.
All'incontro che ricorda il sacrificio di Lupo per consentire lo sgangiamento del resto del reparto partigiano, erano presenti le sezioni Anpi di Trento, Rovereto, Giudicarie e delegazioni di Bolzano, Feltre, Bassano e Montebelluna, con i loro labari e Dorino Trevisan, nipote del capo partigiano.
 
Nel suo intervento il presidente Anpi del Trentino Mario Cossali ha sottolineato come la presenza partigiana in quella parte del Trentino non rappresentò affatto un elemento marginale delle più vasta lotta contro l'occupazione tedesca, ma un momento importante che vide la partecipazione di una componente significativa della popolazione, in particolare dei giovani: come conferma l'elevato numero di caduti , tra i quali le due ragazze Medaglie d'Oro ella Resistenza Ancilla Marighetto «Ora» e Clorinda Menguzzato «Veglia».
 
E proprio presso la lapide che ricorda «Veglia» alle porte di Cinte prima della salita a Costabrunella si è svolto il commosso ricordo di quelle giovani donne che non ebbero esitazione alcuna a combattere in armi per la libertà e la democrazia.
All'incontro hanno partecipato per la prima volta i sindaci di Pieve Carola Gioseffi e di Castello Ivan Boso che hanno espresso il loro impegno perché questa importante pagina della storia dell'altopiano non venga dimenticata e affinché il doveroso ricordo di quanti si batterono e morirono nella lotta per la libertà continui ad alimentare e sostenere l'impegno delle giovani generazioni per i valori della giustizia sociale, della tolleranza e della solidarietà.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni