Home | Pagine di storia | Memoria | 1989-2019: Il Muro di ieri, i muri di oggi

1989-2019: Il Muro di ieri, i muri di oggi

A trent’anni dalla caduta del Muro di Berlino, il prossimo sabato 9 novembre, Andrea Purgatori sarà l’ospite speciale dell’incontro «Il romanzo e la storia»

Il 9 novembre del 1989, decine di migliaia di persone si radunarono, da una parte e dall’altra, lungo il muro che dal 1961 aveva tagliato in due la città di Berlino, assurgendo a simbolo della guerra fredda e della divisione di un continente tra opposte ideologie.
Iniziò quel giorno, sotto i colpi di piccone dei berlinesi, lo smantellamento della Berliner Mauer, che aprì la strada alla riunificazione tedesca, conclusa il 3 ottobre 1990.
Trent’anni dopo, tuttavia, il mondo è più che mai lacerato da muri, confini e barriere, per tre quarti costruiti dopo il 1989.
La conclusione della guerra fredda non ha cambiato lo stato delle cose, moltiplicando le cesure, i segni visibili della separazione e della differenza.
Il trentesimo anniversario della caduta del Muro di Berlino offre dunque l’occasione per un’ampia riflessione concretizzata nella ricca proposta di incontri, spettacoli, proiezioni, mostre e presentazioni di libri della rassegna «1989-2019. Il Muro di ieri, i muri di oggi» (19 ottobre - 26 novembre 2019), organizzata da una rete di associazioni, partner scientifici e istituzionali con il coordinamento del Forum trentino per la pace e i diritti umani.
 
Sabato 9 novembre, a trent’anni esatti da quella notte indimenticabile, l’iniziativa culminerà nell’incontro «Il romanzo e la storia», in programma alle ore 18.00 presso la Sala Falconetto di Palazzo Geremia. Andrea Purgatori, uno dei più amati sceneggiatori e giornalisti investigativi italiani, appartenente a una generazione nata e cresciuta nel clima della guerra fredda, presenterà il suo primo romanzo «Quattro piccole ostriche» (HarperCollins, 2019): dopo tanti articoli, scoop, sceneggiature e trasmissioni tv, il suo esordio nella narrativa rilegge le forme del grande thriller spionistico tornando proprio ai giorni della caduta, quando il mondo assisteva commosso al passaggio del fiume umano in fuga da Berlino Est.
L'intervento, in dialogo con il direttore della Fondazione Museo storico del Trentino Giuseppe Ferrandi, con il saluto dell’Assessore alla Cultura del Comune di Trento Corrado Bungaro e il coordinamento della giornalista Fausta Slanzi, sarà anche l'occasione per gettare uno sguardo di prospettiva sui muri fisici e immateriali del nostro presente.
 
 Andrea Purgatori 
Giornalista d'inchiesta, sceneggiatore per TV e cinema, attualmente conduce la trasmissione Atlantide in onda su La7, con grande successo di pubblico e critica.
Tra i film che ha scritto per il cinema si ricordano Il muro di gomma (1991), Il giudice ragazzino (1994), Fortàpasc (2009), L'industriale (2011), e per la televisione Caravaggio (2008), Lo scandalo della Banca Romana (2010), Il Commissario Nardone (2012).

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni