Home | Coronavirus | Protesta dei pubblici esercenti al Commissariato del Governo

Protesta dei pubblici esercenti al Commissariato del Governo

Un corteo di auto col grembiule bianco si è snodato per Trento con clacson e sirene, a urlare disperati per restrizioni incomprensibili e promesse non mantenute

image

>
Un corteo di grembiuli bianchi si è snodato per la città di Trento, fino a raggiungere il Commissariato del Governo per protestare contro il Governo e le sue incomprensibili elucubrazioni sulle restrizioni volute per contrastare la pandemia Covid-19.
Un aspetto in particolare, vogliamo aggiungere. Non si tratta di una protesta di imprenditori in difficoltà, ma di gente disperata.

Qualsiasi «ristoro», come lo chiamano a Roma, non servirà a nulla per questa gente che da un anno si trova in condizioni di aprire, chiudere, riaprire per un po’ e magari chiudere per sempre.
Nel condividere la protesta in corso, ci viene in mente il commento della vice ministra dell’economia e delle finanze, Laura Castelli, che aveva espresso il consiglio ai pubblici esercenti di «cambiare attività».

Oggi, nelle ipotesi probabili di nuove restrizioni che il governo varerà, c’è l’anticipo di chiusura anche dell’asporto, che dovrebbe terminare alle 18.
Non abbiamo parole. Anzitutto abbiamo visto che lo Stato non può permettersi di «ristorare i ristoratori», ma soprattutto sappiamo non può affrontare la problematica con questi divieti.


Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni