Home | Coronavirus | Cinquanta telefonate al dì a Pronto Pia, volontari a quota 600

Cinquanta telefonate al dì a Pronto Pia, volontari a quota 600

Una signora di 95 anni che vive sola ha chiesto le batterie per l’apparecchio acustico

image

>
Arrivano in media cinquanta telefonate al giorno al centro servizi «Contrada larga» in via Belenzani, che oggi è il motore di quella macchina della solidarietà che garantisce sostegno agli anziani soli e alle persone in difficoltà.
Per lo più chi chiama ha bisogno di aiuto per fare la spesa, anche se talvolta la richiesta rivela situazioni di bisogno a cui si cerca comunque di dare risposta.
A spiegare come funziona il Pronto Pia (che aderisce al servizio provinciale Resta a casa, passo io) al tempo del Coronavirus è Paola Luchi (cooperativa Kaleidoscopio), coordinatrice del centro servizi.
«Nel 90 per cento dei casi ci chiedono aiuto per la spesa a domicilio – racconta Luchi – Qualcuno chiama per le medicine e noi giriamo la richiesta sulla rete delle farmacie comunali.»
 
La risposta è diversa caso per caso: «A volte attiviamo la rete dei familiari, altre volte chiamiamo i supermercati che garantiscono una corsia preferenziale per le consegne agli anziani, altre volte ancora chiamiamo i volontari. Ne abbiamo a disposizione tantissimi: sono quasi 600, in questi ultimi giorni tra singoli e gruppi ne sono arrivati un centinaio in più. Cerchiamo di assegnare a ogni anziano un volontario del quartiere, in modo che sia anche un vicino di casa su cui contare. E incoraggiamo a mantenere il contatto anche dopo la spesa con una telefonata giornaliera per far sentire la presenza e il sostegno.»
Sono giornate intense al Centro servizi, di dieci ore di lavoro e anche più.
A volte, racconta ancora Paola Luchi, arrivano richieste che stringono il cuore: «Una signora di 95 anni ci ha chiamato perché le si era scaricata la batteria dell’apparecchio acustico. Ci ha detto che, se l’apparecchio non funziona, è costretta a stare a letto tutto il tempo. Naturalmente abbiamo mandato subito un volontario. Ieri poi ci ha chiamato un signore da Milano preoccupato perché la mamma di cento anni è rimasta sola dopo che si è ammalata la badante. Ci ha chiesto di chiamarla per rassicurarla e per garantirle che siamo pronti ad andare da lei in caso di bisogno. Per fortuna l’anziana è arzilla e sta bene.»
 
La consegna della spesa avviene secondo procedure codificate, a tutela soprattutto degli anziani: «Il volontario raggiunge la persona da aiutare, che lascia i soldi della spesa fuori dalla porta. Poi consegna tutto senza che ci sia contatto con l’anziano. Per chi è in quarantena attiviamo la rete dei Nuvola, che sono formati per questa evenienza. Capita anche che qualcuno recluso in casa da giorni abbia finito il contante: anche in questo caso attiviamo i Nuvola, che fanno la spesa e consegnano un bollettino che può essere pagato entro 60 giorni.»
Ammirevole, riferisce Paola Luchi, è la disponibilità dei volontari, sempre pronti ad attivarsi immediatamente.
«Probabilmente alcuni non li chiameremo mai, ne abbiamo talmente tanti...»
La rete di Pronto Pia, potenziata per fronteggiare l’emergenza Coronavirus, è sostenuta dai Servizi sociali e dallo Spazio Argento del Comune di Trento e risponde al numero 800.29.21.21.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni