Home | Coronavirus | 64.000 euro raccolti in pochi giorni dalle Pro Loco del Trentino

64.000 euro raccolti in pochi giorni dalle Pro Loco del Trentino

Sono 86 le Pro Loco trentine che hanno già aderito all'iniziativa lanciata dalla Federazione a sostegno dell'Azienda provinciale per i Servizi Sanitari

Faes, presidente della Federazione Pro Loco: «Una prova di generosità da parte delle associazioni Pro Loco di tutto il Trentino, intervenute prontamente per dare una mano nell'emergenza».
Tante anche le azioni di solidarietà messe in campo a livello locale, dalla consegna della spesa a domicilio all'animazione dai balconi.

Un risultato sorprendente quello che ha riportato la raccolta fondi, lanciata tra le 190 Pro Loco trentine dalla Federazione Pro Loco, a sostegno dell'APSS per l'emergenza in atto. Già nelle prime 24 ore sono stati raccolti oltre 40.000 euro, cifra che oggi, a 4 giorni dall'inizio, è arrivata a sfiorare i 65.000 euro (€ 64.494).
«Come sempre le Pro Loco si dimostrano maestre di generosità e quando c'è bisogno di agire non si tirano indietro, – commenta il presidente della Federazione Trentina Pro Loco - UNPLI Trentino, Enrico Faes. – Il risultato della raccolta fondi ha sorpreso anche noi: come ben si sa in questi ultimi anni le associazioni di volontariato stanno faticando a continuare con le loro attività, a causa di tagli e burocrazia, eppure le Pro Loco hanno trovato le risorse per contribuire.»
 
L'apporto delle Pro Loco all'emergenza non si limita al sostegno economico: dal nord al sud del Trentino, infatti, in questi giorni nei nostri paesi si sono moltiplicate le iniziative di solidarietà a sostegno delle comunità, sia a livello assistenziale che di animazione a distanza.
Molte ovviamente le Pro Loco impegnate sul fronte dell’aiuto diretto ad anziani e soggetti fragili, con consegne di spesa e farmaci a domicilio (Pro Loco di Spormaggiore, Grigno, Lodrone, Sardagna, Storo e Condino), realizzate direttamente dai volontari delle Pro Loco, attrezzati con adeguati dispositivi di protezione.
 
Diverse associazioni, dalla Pro Loco di Sardagna a Borgo Valsugana, allietano i pomeriggi con musica dai balconi, grazie ai volontari che hanno in casa attrezzature di amplificazione.
Altre, come Pieve Tesino, tengono compagnia con l'iniziativa via web «M'invento un intento», suggerendo ogni giorno una piccola attività; altre hanno avviato iniziative artistiche, come la Pro Loco di Coredo che invita i bambini a dipingere dei sassi che poi verranno collocati lungo un viale, e la Pro Loco di Torcegno che indice un concorso di pittura dedicato agli angoli più pittoreschi del paese; altri infine, come la Pro Loco di Fiavè, hanno aderito alla campagna Andrà tutto Bene di UNPLI Sicilia, raccogliendo i disegni dei bambini con messaggi di buon auspicio.
 
Il volontariato insomma in questa situazione mostra il suo volto più virtuoso: l'amore disinteressato per il proprio territorio e la propria comunità, che si realizza in azioni che senza retorica, in modo semplice e concreto, possono contribuire a far vivere in modo più sereno alla popolazione locale questo difficile momento.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni