Home | Economia e Finanza | Inaugurato «Borsopoly», a 10 anni dallo scoppio della crisi

Inaugurato «Borsopoly», a 10 anni dallo scoppio della crisi

Fino a venerdì 14 settembre si gioca in Piazza Affari a Milano per capire se abbiamo imparato qualche cosa dalla crisi

È stato inaugurato oggi a Milano «Borsopoly», l’allestimento curato dal Gruppo Banca Etica con il patrocinio del Comune di Milano e in collaborazione con «Jungle» per fare il punto a 10 anni dallo scoppio della più grave crisi finanziaria, economia e sociale dal dopoguerra.
Il default di Lehman Brothers, il 15 settembre 2008, è il momento simbolico di avvio della crisi finanziaria globale che 10 anni fa ha sconvolto l’economia e la società e i cui effetti continuano ancora oggi.
Cosa abbiamo imparato da allora come cittadini e risparmiatori, come collettività e istituzioni? Quanto ne sappiamo oggi di investimenti, economia e finanza?
 
Dal 12 al 14 settembre il gruppo Banca Etica propone un’installazione in Piazza Affari, sede della Borsa di Milano: intorno al dito medio di Cattelan un grande tabellone da gioco permette di ripercorrere questi dieci anni invitando le persone a informarsi, ad agire e a conoscere la crescita positiva della finanza etica.
Si continua a giocare anche giovedì 13 e venerdì 14 dalle 10.30 alle 19.30 sempre in Piazza Affari.
 Il gioco sarà scaricabile anche in formato digitale dal sito www.bancaetica.it e sarà accompagnato da una serie di approfondimenti curati da Valori.it
 
«Dal 2008 alcune cose sono cambiate in positivo, – spiega il presidente di Banca Etica ed Etica sgr, Ugo Biggeri. – Un numero sempre crescente di persone, organizzazioni e istituzioni hanno compreso che la finanza speculativa può essere devastante e hanno scelto la finanza etica, che oggi vale il 5% del PIL europeo.
Anche le istituzioni hanno iniziato a riconoscere la finanza etica: il Parlamento italiano per primo, con una legge approvata nel 2016, e ora anche la Commissione Ue che sta lavorando a un Action Plan per la finanza sostenibile.
 
Troppe cose però non sono cambiate affatto: le nuove normative non sembrano in grado di prevenire nuove crisi; la finanza speculativa ha adottato nuove tecnologie per scambi ultraveloci e sempre meno controllabili; non si è ancora vista una vera tassa sulle transazioni finanziarie capace di rallentare le speculazioni più spregiudicate; il contrasto ai paradisi fiscali è a dir poco timido.
Il movimento della finanza etica in tutto il mondo si è rafforzato e continua a fare educazione critica alla finanza e a chiedere regole diverse per riportare la finanza al servizio delle persone.»
L’hashtag dell’evento sui social è #borsopoly.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone