Home | Economia e Finanza | La congiuntura economica in Trentino, 3° trimestre 2018

La congiuntura economica in Trentino, 3° trimestre 2018

In aumento il fatturato delle imprese trentine rispetto allo stesso periodo del 2017

image

>
In mattinata sono stati presentati i dati che delineano la congiuntura economica in provincia di Trento, elaborati dall’Ufficio studi e ricerche della Camera di Commercio di Trento e riferiti al terzo trimestre di quest’anno.
Nel periodo esaminato, il fatturato complessivo realizzato dalle imprese intervistate risulta aumentato del 3,8% rispetto allo stesso periodo del 2017.
Tale variazione denota un leggero rallentamento dei ritmi di crescita che hanno caratterizzando la prima metà dell’anno.
 
La domanda interna mantiene un trend positivo. In particolare, nel periodo in esame si riscontra una sostanziale uniformità di andamento tra il fatturato realizzato in provincia, che cresce del 4,7%, e quello realizzato sul resto del territorio nazionale, che aumenta del 4,2%.
La dinamica delle esportazioni rallenta decisamente (+0,1%) e crea qualche preoccupazione sulle prospettive di tenuta dell’attuale fase di crescita.
 
I settori che evidenziano le variazioni del fatturato più sostenute sono i servizi alle imprese (+8,2%) ma soprattutto l’estrattivo (11,3%) che, negli ultimi anni, si era caratterizzato per una profonda crisi strutturale e che invece quest’anno lascia intravvedere qualche segnale di recupero.   
 

 
I settori del commercio, sia all’ingrosso (+5,5%) sia al dettaglio (+5,1%), si connotano per una dinamica simile e ampiamente favorevole, mentre i trasporti (+2,2%), il manifatturiero (+2,0%) e le costruzioni (+1,4%) propongono una variazione positiva, ma più contenuta.
La variazione tendenziale del fatturato risulta in aumento per tutte le classi dimensionali considerate, ma si rafforza decisamente solo tra le imprese di media e grande dimensione.
 
L’occupazione evidenzia una crescita sostenuta (+2,0%) per il terzo trimestre consecutivo, pur caratterizzandosi per un lieve rallentamento.
L’andamento occupazionale presso le unità di più piccola dimensione (fino a 10 addetti) è leggermente negativo (-0,8%), mentre risulta in decisa crescita tra le medie (tra 11 e 50) e le grandi imprese (oltre 50) con aumenti pari rispettivamente a +3,6% e a +3,9%.
La variazione tendenziale della consistenza degli ordinativi risulta moderatamente positiva (+3,0%). 
 
Gli ordini si contraggono presso le imprese più piccole, con 1-10 addetti, mentre risultano in crescita tra le medie e le grandi imprese.
Nel terzo trimestre di quest’anno i giudizi degli imprenditori sulla redditività e sulla situazione economica risultano decisamente favorevoli e si mantengono sui livelli antecedenti la crisi.   
 

 
«I dati di questa indagine congiunturale, mai così positivi da almeno sette anni a questa parte – ha commentato Giovanni Bort, Presidente della Camera di Commercio di Trento – vanno commentati con soddisfazione e con un certo orgoglio per un sistema produttivo trentino che mostra segnali di vivacità e dinamismo.
«Purtroppo i risultati lusinghieri, ottenuti anche nell’ultimo periodo dalle nostre imprese, e i giudizi favorevoli degli imprenditori sulla redditività e sulla situazione economica delle loro aziende rischiano di innestarsi su un contesto economico europeo in crescente difficoltà e su una situazione interna contraddistinta da un’oggettiva incertezza.»
 
«L’economia trentina – ha spiegato Achille Spinelli, Assessore allo sviluppo economico, ricerca e lavoro della Provincia autonoma di Trento – è in ripresa dalla fine del 2013 e nel primo semestre del 2018 questa si è rafforzata e allargata all’intero sistema economico.
«Il mercato del lavoro, le esportazioni, gli investimenti e i consumi delle famiglie favoriti anche dal buon andamento del turismo hanno sostenuto il ciclo economico.
«È fondamentale poter disporre di questi dati per capire e pianificare; ecco perché l’Ufficio studi e ricerche della Camera di Commercio e l’Istituto di statistica della Provincia di Trento (ISPAT) stanno consolidando un rapporto di collaborazione e di partnership in studi congiunturali e strutturali sull’economia provinciale, sviluppando sinergie positive e valorizzando le reciproche competenze, un lavoro essenziale per conoscere in tempi brevi l’andamento e le prospettive del nostro sistema produttivo.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone