Home | Economia e Finanza | Iran Desk: strumento pratico per affrontare il mercato iraniano

Iran Desk: strumento pratico per affrontare il mercato iraniano

Trentino Export, in collaborazione con Confindustria Trento, ha organizzato oggi l'incontro a Palazzo Stella

image

>
Nel quadro del Piano Operativo Internazionalizzazione Pmi Trentine, Trentino Export, in collaborazione con Confindustria Trento, ha organizzato oggi, venerdì 15 febbraio a Palazzo Stella, l’incontro «Iran Desk».
L’appuntamento, al quale hanno partecipato 25 imprese, si è focalizzato su tematiche di stretta attualità relative al mercato iraniano.
Il 5 novembre 2018 l’America ha ripristinato le sanzioni sull‘Iran.
Per un periodo di sei mesi l’Italia, con altri sette Stati, beneficerà di una speciale esenzione (Special Reduction Exemption) e potrà continuare ad approvvigionare petrolio dall’Iran.
I proventi non potranno essere rimpatriati ma dovranno essere impiegati per pagare le esportazioni italiane di prodotti consentiti.
Il cambiamento obbligato nei piani di sviluppo economico e la profonda ridefinizione dello scenario competitivo aprono opportunità inedite e interessanti, soprattutto per le piccole e medie imprese.
 
Operare con l’Iran continua a essere lecito, secondo la normativa europea, e le stesse sanzioni americane si limitano a pochi, seppur importanti, settori industriali.
Molte delle difficoltà che una Pmi attiva nel paese si trova oggi ad affrontare sono legate ad una parziale comprensione delle dinamiche economiche intervenute in Iran, a partire dallo scorso maggio, e non alle sanzioni sul paese.
Durante l’incontro il referente di Trentino Export a Teheran, Luca Miraglia ha sottolineato: «La Repubblica Islamica rientra tra le prime venti economie mondiali (la seconda nel Medio Oriente), con caratteristiche che la proiettano verso un graduale processo di modernizzazione. La sua composizione demografica, l’alto livello di alfabetizzazione e di istruzione (un mercato di poco meno di 80 milioni di abitanti di cui più del 60% sotto i trent’anni), la posizione geografica strategica, l’abbondanza di risorse naturali (quarto produttore di petrolio al mondo e secondo per riserve di gas naturale) e la presenza di una sviluppata rete di infrastrutture, trasporti e telecomunicazioni, risultano fattori positivi e di grande interesse per le aziende italiane. Le difficoltà ovviamente ci sono ma si stanno aprendo nuove importanti opportunità per le Pmi italiane e trentine.»
 
A margine dell’incontro, la presidente di Trentino Export Barbara Fedrizzi ha confermato l’impegno nella continua ricerca di nuovi sbocchi per le esportazioni trentine: «L’Iran – ha evidenziato – è un mercato storicamente molto importante per il Made in Italy e le potenzialità per le nostre aziende sono ancora molte ma bisogna essere accorti. L’auspicio ora è che la Special Reduction Exemption venga rinnovata alla sua scadenza semestrale. Tramite il nostro desk di Teheran siamo in grado di aiutare le nostre imprese anche in questa fase delicata e problematica.»
Trentino Export si propone quindi come punto di riferimento per le aziende trentine ancora interessate al mercato iraniano.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni