Home | Economia e Finanza | Progetto per l’accesso al credito delle micro-piccole imprese

Progetto per l’accesso al credito delle micro-piccole imprese

«La banca incontra l’impresa» è stato presentato stamani dall’assessore Spinelli assieme alle associazioni di categoria e agli istituti bancari

image

>
«La banca incontra l’impresa»: è questo il nome di un nuovo progetto per favore l’accesso al credito delle micro e piccole imprese trentine, presentato stamani con una conferenza stampa a cui hanno preso parte l'assessore allo Sviluppo economico, ricerca e lavoro della Provincia autonoma Achille Spinelli, il direttore della Filiale di Trento della Banca d'Italia Pier Luigi Ruggiero, il vicepresidente di Confindustria Trento Alessandro Lunelli, il presidente dell'Associazioni artigiani Marco Segatta, il presidente di Trentino Sviluppo Sergio Anzelini e il vicepresidente di Cassa del Trentino Romano Artoni.
Il progetto consiste in un percorso di informazione/formazione rivolto agli imprenditori, strutturato su due moduli serali di 2 ore ciascuno – entrambi dalle ore 20 alle 22 – realizzato, secondo un calendario già messo a punto dagli organizzatori, presso 13 diverse sedi dell’Associazione Artigiani sparse sul territorio trentino.
 
Si inizia con il primo incontro la sera di giovedì 28 marzo in Bassa Valsugana (il secondo incontro di questo modulo si terrà il 9 aprile).
Via via i momenti formativi – articolati sempre su due serate – toccheranno tutte le altre aree della provincia, per concludersi a dicembre.
Al centro del programma i sistemi di valutazione e concessione del credito da parte degli istituti bancari, ovvero, nella prospettiva dell’imprenditore, le modalità migliori con le quali rivolgersi alle banche per ottenere il finanziamento richiesto.
«La banca incontra l’impresa» nasce in seguito alla firma nell’ottobre 2018, di un Protocollo d’intesa fra Provincia autonoma di Trento, con Trentino Sviluppo, Cassa del Trentino, i Confidi, le Associazioni di Categoria con i relativi Centri di Assistenza Tecnica (C.A.T.) e gli Istituti bancari.
 

 
«Si tratta di un percorso formativo e informativo molto importante – ha detto in apertura dei lavori l’assessore Spinelli – per avvicinare banca e impresa, mondi che a seguito della crisi si sono progressivamente allontanati.
«Un’iniziativa utile, quindi, a ridurre le distanze e diffondere informazioni, in entrambe le direzioni.»
 
Ruggiero, direttore della filiale di Trento della Banca d’Italia, ha evidenziato che, in particolare a seguito dei cambiamenti intervenuti a causa alla crisi, le imprese siano oggi chiamate ad attrezzarsi maggiormente, anche sul versante delle conoscenze.
«L’iniziativa in questione – ha aggiunto – è particolarmente importante se si pensa alle dimensioni consistenti del credito indirizzato in Trentino alle piccole e medie imprese.
«Senza dimenticare che conoscere significa esercitare più consapevolmente la cittadinanza attiva.»
 

 
Il vicepresidente di Confindustria Lunelli ha sottolineato a sua volta come sia di fondamentale importanza che anche fra le imprese si crei cultura nel campo del credito e della comunicazione, mentre Segatta, presidente dell’Associazione Artigiani, ha parlato della formazione come di un elemento indispensabile per le imprese per stare sul mercato, facendo conoscere al meglio ai propri interlocutori capacità e progetti.
Entrambi hanno criticato il progetto europeo «Basilea», per il quale il credito non viene più dato sulla fiducia ma sui numeri. In pratica basta un robot per decidere.
 
Il presidente di Trentino Sviluppo Anzelini ha posto l’accento sul ruolo della finanza alternativa, in relazione alle start up e alle imprese innovative, mentre Artoni, vicepresidente di Cassa del Trentino, ha definito il rapporto tra banche e impresa un elemento cruciale per le politiche di sviluppo territoriale, dal quale discende la necessità di rilanciare il dialogo tra mondi che hanno operato con regole diverse.
 

 
 Il progetto 
Il Protocollo siglato lo scorso anno aveva ha individuato una serie di azioni per favorire l’accesso al credito alle micro e piccole imprese del Trentino, in particolare: servizi di informazione/formazione; linee di finanziamento dedicate; sviluppo di nuovi meccanismi di garanzia.
 
Malgrado l’economia provinciale sia uscita dalla fase di crisi, infatti, il mercato del credito locale evidenzia ancora alcune criticità strutturali, che complicano l’accesso al credito da parte delle imprese, soprattutto di piccole dimensioni, che rappresentano la grande maggioranza del tessuto produttivo locale.
Uno degli elementi su cui si è concentrata l’attenzione degli attori del sistema è quello del dialogo fra imprese e soggetti finanziatori.
Da questa constatazione è nato appunto il progetto «La banca incontra l’impresa».
 
L‘obiettivo è facilitare la conoscenza fra imprese e soggetti finanziatori ed in particolare trasmettere alle micro e piccole imprese trentine le conoscenze-base in merito ai sistemi di valutazione e di concessione del credito da parte degli istituti bancari e al miglior modo per presentarsi alla banca per ottenere il finanziamento richiesto.
 
Il percorso avrà inizio il 28 marzo, con termine previsto entro fine 2019, e verrà realizzato presso 13 sedi dell’Associazione Artigiani, ovvero: Borgo Valsugana, Rovereto, Val di Fassa, Primiero, Trento, Alto Garda, Alta Valsugana, Giudicarie, Val di Cembra, Val di Fiemme, Val di Sole, Val di Non e Mezzolombardo.
 
In ogni ambito territoriale verranno organizzate 2 serate di formazione della durata di complessive 4 ore.
 
I moduli formativi saranno tenuti da Banca d’Italia, Confidi, Cooperfidi e dalle banche aderenti al protocollo: Cassa Centrale Banca, Volksbank, MPS, Unicredit, Intesa San Paolo, Sparkasse e BNL.
Per la realizzazione di questa proposta formativa, insomma, si sono aggregati in modo sinergico tutti i soggetti coinvolti professionalmente nella catena del credito.
In primis la Banca d’Italia, quale istituto di supervisione sul mercato creditizio e finanziario, di vigilanza , di ricerca economica impegnato anche nel campo dell’educazione finanziaria.
A seguire, le associazioni di categoria,che hanno messo a disposizione le sedi dei corsi, garantiscono la diffusione dell’informazione e la raccolta delle iscrizioni da parte delle imprese.
Ed ancora: partecipano all’iniziativa ben 7 istituti di credito, coinvolti a turno direttamente nella formazione.
Per un trasferimento efficace di conoscenze e competenze sul sistema delle garanzie sono presenti infine anche i Confidi.
 

 
 Calendario 
Bassa Valsugana: giovedì 28 marzo; martedì 9 aprile;
Alto Garda: mercoledì 3 aprile, mercoledì 17 aprile;
Trento: mercoledì 8 maggio; mercoledì 22 maggio;
Alta Valsugana: mercoledì 5 giugno; mercoledì 19 giugno;
Val di Fassa: giovedì 6 giugno; martedì 18 giugno;
Giudicarie: mercoledì 4 settembre; mercoledì 18 settembre;
Val di Fiemme: mercoledì 16 ottobre; mercoledì 30 ottobre;
Primiero e Vanoi: mercoledì 23 orttobre, mercoledì 6 novembre;
Val di Cembra. mercoledì 13 novembre, mercoledì 27 novembre;
Rotaliana: mercoledì 11 dicembre, mercoledì 18 dicembre.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone