Home | Economia e Finanza | Commerciale | La forza di Anesi arredamenti: il mobile per combattere la crisi

La forza di Anesi arredamenti: il mobile per combattere la crisi

Creato uno «Shopping-Shop» per combattere la crisi, e vivere felici

image

È una persona decisamente positiva, perché guarda al futuro sapendo che l'innovazione e la creatività possono far superare prima la crisi.
Michele Anesi, titolare della Anesi Arredamenti di via Gazzoletti 51 a Trento, sorride perché è riuscito a trovare qualcosa in grado di smuovere l'interesse della sua clientela, comprensibilmente resa prudente dalla crisi economica finanziaria che ha scosso il mondo e dalla quale non siamo ancora usciti del tutto.

«Abbiamo raggiunto un accordo con la Kartell. - Ci dice soddisfatto. Ci mostra alcuni pezzi davvero belli, di stile superbamente italiano. Ne mostriamo alcuni in foto. - La Kartell è una società italiana di Milano il cui business principale consiste nel produrre mobili bellissimi ad alto livello tecnologico e a prezzi estremamente contenuti.»



Kartell è un'azienda italiana fondata nel 1949 a Noviglio, in provincia di Milano, che produce mobili e oggetti di disegno industriale ricercato in plastica.
L'azienda fu fondata da Giulio Castelli, un ingegnere chimico che cominciò la propria attività producendo accessori per le auto e casalinghi in plastica.
Il successo del marchio si è consolidato negli anni sessanta, periodo particolarmente positivo per il design italiano, ma la consacrazione a livello internazionale è arrivata nel 1972 con la partecipazione a una mostra presso il Museum of Modern Art di New York dedicata all'arredamento made in Italy. E i pezzi presentati in quell'occasione, disegnati da Gae Aulenti, Ettore Sottsass e Marco Zanuso, fanno tuttora parte della collezione permanente del museo.
Negli anni novanta iniziò una collaborazione duratura con diversi designer di fama internazionale, tra cui Antonio Citterio, Ron Arad, Vico Magistretti, Philippe Starck, Piero Lissoni e molti altri.
Nel 1999 inoltre Kartell ha fondato l'omonimo museo, che raccoglie ed espone più di 1.000 creazioni.



«La sua politica di vendita è generalmente affidata a negozi monomarca distribuiti un po' in tutta Europa. - Prosegue Michele Anesi, per spiegare la natura innovativa dell'accordo raggiunto con la Kartell. - Per una piazza come Trento era difficile immaginare di poter mantenere un negozio di arredamenti con un solo marchio, per quanto importante. Ma alla fine Anesi Arredamenti ha trovato l'accordo con loro: un negozio monomarca all'interno di un negozio con più marchi.»

In pratica vengono mantenuti i parametri adottati per l'intera rete distributiva, adeguandoli con piccole realtà che hanno problematiche a sè.
«Questo tipo di accordo non è stato inventato apposta per noi. - Precisa Anesi. - Nelle distribuzioni aziendali è conosciuto come "Shopping-Shop", un negozio nel negozio, appunto. Il successo è dato dall'essere riusciti ad inserirlo in Trentino per un'azienda del genere.»

I vantaggi per i Trentini quali sono?
«Che trovano qui in città arredi che altrimenti avrebbero potuto visionare in aree metropolitane o a catalogo.»

Il suo catalogo conta ben 232 pagine…
«Sì, la differenza tra il vedere su carta o di persona i prodotti è enorme. Quello che è arrivato finora in negozio non è rimasto a lungo in giacenza. Poi, toccati i prodotti con mano, allora anche il catalogo diventa un utile mezzo di consultazione»



A diversi prodotti Kartell sono stati conferiti premi internazionali, tra cui il Compasso d'Oro, il premio assegnato annualmente dall'ADI (Associazione per il Disegno industriale), considerato il più importante premio al mondo nel settore.
Ma, come abbiamo detto, la particolarità di Kartell è l'utilizzo della plastica in arredamento in un modo del tutto originale e con l'uso di tecnologie di lavorazione tradizionalmente usate in altri settori industriali.
Inoltre i prodotti Kartell sono totalmente costruiti in Italia, anche se il maggiore mercato di vendita è costituito dagli Stati Uniti.

Tra i prodotti più famosi e di maggior successo ci sono le serie di sedute Maui di Magistretti, la sedia trasparente in soli due pezzi La Marie, gli sgabelli Eros e la serie di sedie monopezzo a stampaggio rotazionale Bubble di Starck, la libreria Bookworm di Ron Arad.

I prezzi, come abbiamo detto, sono la portante dell'azienda. Qualità, design e prezzo saranno il futuro del Made in Italy.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni