Home | Economia e Finanza | Cooperazione | Cantina Mori Colli Zugna viaggia verso la vendemmia record

Cantina Mori Colli Zugna viaggia verso la vendemmia record

Da una prima stima si dovrebbero superare gli 85mila quintali: un vero e proprio record per la Cantina e i suoi 600 viticoltori soci

Sarà una vendemmia di grandi soddisfazioni per i soci quella che si concluderà tra una decina di giorni: la cantina sociale Mori Colli Zugna stima che si raggiungeranno i novantamila quintali, quantità mai raggiunta fino a oggi da questa cantina cooperativa.
La scorsa vendemmia aveva raggiunto 68 mila 388 quintali.
 
«Non solo quantità – precisa Alberto Butterini, enologo della Cantina – anche buona qualità delle uve conferite in queste settimane dai viticoltori soci.
«Complessivamente i nostri soci sono circa seicento che coltivano 650 ettari di vigneto. La fetta maggiore appartiene a Pinot Grigio (50% del totale) e Chardonnay (20%).
«La percentuale rimanente è divisa tra Müller Thurgau, Moscato Giallo, Traminer e altre varietà.»
La vendemmia aveva preso il via il 23 agosto.
«C’è un’altra particolarità che contribuisce a far capire come ci si stia avviando verso una vendemmia destinata a essere ricordata a lungo, – aggiunge Butterini. – Per consentire ai soci di conferire le uve, la nostra cantina è rimasta aperta tre domeniche consecutive. Cosa mai successa in passato.»
 
 Marcescenza, fenomeno limitato e sotto controllo 
In merito alle notizie diffuse con toni di allarme sul fenomeno della marcescenza osservato in alcune zone, va detto che questo si presenta in limitate quantità e a seconda del tipo e metodo di coltivazione delle uve.
 
«Questo effetto, comune a tutto il Nord Italia, è una concausa delle piogge copiose cadute durante la fase di maturazione delle uve (80 millimetri di acqua nell’arco di quarantotto ore), – spiega Manfredo Manfredi, responsabile del servizio controllo di campagna della Cantina Mori Colli Zugna. – Alla pioggia si è aggiunto un altro fenomeno: le alte temperature durante la notte che hanno provocato poca escursione termica tale da favorire, sulle bucce stressate dalla pioggia, lo sviluppo di microflora.
«Inoltre, considerato l’abbassamento dell’acidità legato al processo di maturazione, sono venute meno delle difese naturali che, normalmente, l’uva possiede. Questo ha provocato, di conseguenza, il deterioramento della buccia.»

La cantina ha sempre garantito la massima assistenza tecnica per prevenire il fenomeno, ed è vicina ai viticoltori coinvolti.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone