Home | Economia e Finanza | Cooperazione | Celebrati a Roma i 100 anni di Confcooperative

Celebrati a Roma i 100 anni di Confcooperative

Il presidente Mattarella: «La cooperazione è un pilastro importante nella vita della comunità» – Premiate due cooperative trentine

image


Ricorrono oggi i 100 anni dalla fondazione di Confcooperative, una realtà che in Italia conta 18.500 imprese, 66 miliardi di fatturato, 525 mila occupati e oltre 3 milioni di soci.
L’evento del centenario è stato ospitato all’Auditorium del Parco della musica a Roma.
Alla cerimonia ha partecipato anche una delegazione delle cooperative trentine, tra cui la presidente Marina Mattarei, i vice Walter Facchinelli e Germano Preghenella, le associazioni giovani e donne in cooperazione ed altri esponenti dei vari settori cooperativi.
Un lungo applauso ha salutato l’ingresso in sala del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, accompagnato dal premier Giuseppe Conte.
 
L’evento era cominciato con l’inno di Mameli intonato da un coro di bambini e una suggestiva rappresentazione del dibattito in assemblea costituente per l’introduzione nella Costituzione dell’articolo 42 (poi diventato 45 nella numerazione ufficiale) che riconosce, promuove e tutela la cooperazione.
«Non è un caso – ha affermato il presidente della Repubblica Sergio Mattarella nel suo indirizzo di saluto – che l’articolo 45 riconosca la funzione sociale della cooperazione, e dia mandato alla pubblica amministrazione di sorreggerla, di svilupparla.
«Quanto la cooperazione ha fatto in questi decenni sottolinea il ruolo fondamentale delle formazioni sociali e dei corpi intermedi. E non a caso la Costituzione la considera un pilastro importante nella vita della comunità.
«La sostenibilità ambientale e sociale è un obiettivo di grande importanza, – ha proseguito Mattarella. – La cura delle città, il contrasto allo spopolamento delle zone interne, dei tanti borghi appenninici e alpini che sopravvivono per la presenza delle cooperative, sono contributi ‘di frontiera’ decisivi per l’equilibrio del nostro Paese.
«Il movimento cooperativo si è mosso – ha proseguito il Presidente – contrastando l’erronea convinzione che, la vita sociale e pubblica, potesse esaurirsi in quella dicotomia pubblico/privato, ovvero con lo Stato da una parte e il comparto privato dall’altra.
«Sottolineo il grande rilievo dell’economia civile, si tratta di realtà capaci di penetrare in maniera più efficace e più puntuale nel tessuto sociale, – ha concluso. – Per questo quel che fate è decisamente importante.»
 
«Grazie all’articolo 45 della Costituzione – ha affermato il presidente di Confcooperative Maurizio Gardini – anche la cooperazione riprese il suo cammino e, l’Italia martoriata dalla guerra, trovò i cooperatori e le cooperatrici in prima linea per ricostruirne il tessuto sociale oltre che economico.
«Inoltre, in quegli anni, ha ripreso slancio il ruolo dei corpi intermedi e dell’associazionismo che hanno saputo rappresentare, tutelare e difendere le piccole e medie imprese italiane, contribuendo a disegnare la fantastica stagione del boom economico.
«Oggi, proprio nel momento in cui sembra naturale cedere spazio e potere alle tecnologie senza valutarne seriamente l’impatto sulle persone e sull’ambiente, noi mettiamo in guardia da una resa incondizionata al progresso, – ha proseguito il presidente di Confcooperative. – Non c’è infatti progresso se resta indietro la gente. Noi guardiamo al futuro come ad uno spazio dove vivere meglio tutti; uno spazio dove alimentare, in armonia e a parità di opportunità, una sana cultura cooperativa tra generi e generazioni.
«Una cultura che disegni anche un nuovo mercato del lavoro che, senza sacrificare sull’altare della tecnologia la dignità dell’apporto umano, crei prospettive nuove alle generazioni che hanno di fronte la concretezza della mancanza di posti di lavoro.»
 

Premiazione Clara Mazzucchi.
 
 Premiate due cooperative trentine 
Due cooperative trentine hanno ricevuto dal presidente Gardini un riconoscimento per la loro longevità, in rappresentanza di tutte le cooperative che hanno passato il traguardo del secolo di vita, a cui verrà successivamente consegnata una targa distintiva.
Il Caseificio di Lavarone è la più antica cooperativa agricola italiana. A ritirare il premio la presidente Marisa Corradi (premiata da Giorgio Mercuri, presidente di Alleanza Cooperative Agroalimentari) presente a Roma insieme a Francesco Corradi, allevatore di lungo corso e consigliere della cooperativa.
Il caseificio di Lavorone raccoglie il latte di 12 soci sugli altipiani di Lavarone e Folgaria e lo trasforma soprattutto in Vezzena. La produzione è tradizionale, con caldaie in rame. Una selezione di malga gode anche dell’appellativo di presidio slowfood.
Un riconoscimento è stato riservato anche alla Famiglia Cooperativa trentina che, ancora oggi, mantiene orgogliosamente lo stesso nome originale.
Ha ritirato la targa la vicepresidente di Federconsumo Clara Mazzucchi che ha ricordato il valore di un nome «Famiglia cooperativa», che richiama ai valori famigliari ed è caratteristica peculiare delle cooperative di consumo trentine.
 
Premiazione Marisa Corradi.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone