Home | Economia e Finanza | Cooperazione | Cooperazione e Provincia, ricomposizione sul sistema welfare

Cooperazione e Provincia, ricomposizione sul sistema welfare

I vertici della Federazione ospiti dell'assessore per fare il punto su organizzazione e criticità – Segnana: «Cooperazione sociale, importante nel sistema di welfare»

image

>
La cooperazione sociale è stata questa mattina al centro dell’incontro tra l’assessore provinciale alla salute, politiche sociali, disabilità e famiglia Stefania Segnana e i vertici della Federazione delle Cooperative di via Segantini.
Dopo la sfuriata sul bando per le pulizie in Provincia, le parti hanno cercato la quadra per affrontare i temi portanti della legislatura.
«Un incontro costruttivo, che è stato l’occasione per conoscere nel dettaglio l’organizzazione e le criticità organizzative di queste importanti realtà, – ha spiegato l’esponente dell’esecutivo a margine della riunione che si è svolta in assessorato. – Da parte di entrambe le parti è emersa la volontà di collaborare e riconoscere il fondamentale apporto della cooperazione trentina al sistema di welfare locale.»
 
Accanto all’assessore Segnana, erano presenti il dirigente generale Giancarlo Ruscitti e la dirigente del servizio politiche sociali Federica Sartori. Le varie questioni sono state affrontate direttamente con la presidente della Cooperazione Marina Mattarei, accompagnata dal vicepresidente Italo Monfredini e dal responsabile di settore Stefano Maines.
Diversi sono stati i temi portati all’attenzione dell’assesore Segnana: Mattarei ha sottolineato il ruolo della cooperazione nel presidiare il territorio attraverso una serie di interventi e modi di interpretare la specificità locale, che hanno contribuito alla coesione sociale e a creare un sistema di welfare riconosciuto unanimemente come un’eccellenza.
 
Un richiamo forte è stato fatto rispetto alla convention di Comano Terme del giugno scorso, in occasione della conclusione dei lavori degli Stati Generali della Montagna, durante la quale il presidente della Provincia Maurizio Fugatti - rivolgendosi al movimento cooperativo - ha riconosciuto la funzione delle coop come sentinelle dei territori e interlocutori indispensabili nella gestione dei crescenti bisogni socio assistenziali.
La numero uno della Federazione Mattarei ha ribadito con forza l’assunzione di responsabilità da parte della cooperazione sociale in un'ottica di sussidiarietà e in una logica che non può prescindere dalla sostenibilità economica dei servizi erogati.
Mattarei ha infine sollecitato l’esecutivo provinciale a definire con chiarezza le prospettive e la visione nella gestione dei servizi sociali rispetto al contributo e al ruolo nella progettazione della cooperazione trentina.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni