Home | Economia e Finanza | Agricoltura | Il Centro di Laimburg spiega il segreto della fioritura della vite

Il Centro di Laimburg spiega il segreto della fioritura della vite

Quest'anno, in contrasto con il gelido 2017, la ripresa vegetativa della vite sta procedendo senza intoppi e attualmente è in piena fioritura

In questi giorni, la fioritura della vite è in pieno svolgimento.
Mentre lo scorso anno molti vigneti sono stati colpiti da gelate tardive, la ripresa vegetativa e le successive fasi fenologiche sono decorse, nel 2018, senza particolari difficoltà.
«Quest'anno le disparità tra le epoche di fioritura dei diversi vitigni a differenti altitudini sono poco marcate. Nei vigneti che abbiamo esaminato la fioritura è avvenuta senza un’eccessiva instabilità meteorologica», riferisce Arno Schmid del gruppo di lavoro «Fisiologia e Tecniche Colturali» del Centro di Sperimentazione Laimburg.
«Mentre per la mela si osserva una tendenza al raggiungimento della fase di sempre più anticipata, questo non appare così ovvio per la vite, se si tiene conto degli ultimi 13 anni. Le fluttuazioni delle annate non mostrano finora tendenze chiare», spiega l'esperto.
 
 La fase di fioritura si nota poco, ma è decisiva 
Per quanto sia impossibile non notare la fioritura dei meleti, i fiori della vite sono poco vistosi e si possono osservare solo con un'analisi più approfondita delle infiorescenze.
Cosa succede esattamente nei vigneti al momento della fioritura? A questa domanda risponde Barbara Raifer, responsabile del Settore Viticoltura presso il Centro di Sperimentazione Laimburg: «L'epoca della fioritura è proprio la fase decisiva, perché incide sulla resa», spiega l'esperta.
In primavera, nei germogli della vite si riconoscono le infiorescenze a pannocchia, simili a piccole sfere verdi, chiamate appunto «infiorescenze della vite».
In ognuna di esse è presente un gran numero di abbozzi fiorali, dai quali poi si sviluppano i singoli fiori.
Ogni fiore è inizialmente coperto da un cappuccio protettivo (caliptra) che si stacca all'inizio della fioritura e espone pistilli e stami. In questa fase avviene la fecondazione. La vite coltivata in Europa è ermafrodita, ha organi riproduttivi sia maschili che femminili, è autoimpollinante e per questo non necessita di alcun intervento da parte degli insetti.
La fecondazione avviene quando il seme maschile si fonde con la cellula uovo femminile nell'ovaio della pianta.
Mentre dai fiori fecondati si sviluppano i primordi degli acini, i fiori non fecondati avvizziscono e cadono.
A seconda del tipo di vitigno si sviluppa tra il 30 e il 60% dei fiori, gli esperti parlano qui della cosiddetta «percentuale media di fioritura».
Lo sviluppo dell'infiorescenza dipende molto dalle condizioni climatiche: temperature più elevate possono accelerarne lo sviluppo, ma la pioggia o una fase di calore improvviso possono anche provocare la comparsa di fiori e bacche più piccoli che «colano».
Di conseguenza, il clima durante la fase di fioritura è cruciale per la resa successiva.
 
 Il segreto dell'aroma 
Per gli esperti di viticoltura e gli intenditori, la fioritura ha un fascino speciale.
Il polline dei fiori della vite rilasciato durante la fioritura emette delle sostanze aromatiche: per questo i vigneti sono al momento invasi da un piacevole profumo.
Le fragranze sono terpeni volatili, come si trovano anche nei fiori di agrumi e lavanda e, in forma molto simile, nei vini.
In generale, le fragranze dei fiori hanno lo scopo di attirare gli insetti per la fecondazione.
Tuttavia, poiché le viti, come descritto sopra, sono autoimpollinanti, non è chiaro il motivo per cui emanino queste sostanze.
I fiori di vite sono fecondati innanzi tutto con il polline del loro stesso fiore.
Una parte delle viti viene persino impollinata prima che la caliptra (cappuccio fiorale) si stacchi, quando cioè i fiori non sono ancora visibili.

Solo pochi fiori di un ceppo sono fecondati dal polline di ceppi adiacenti, trasportato dal vento. La vite non ha bisogno di insetti per l'impollinazione.
I fiori di vite non producono infatti nemmeno il nettare, che rappresenta il nutrimento per gli insetti.
Qual è la funzione del profumo? Barbara Raifer, esperta in viticoltura, ritiene plausibili due spiegazioni per questo fenomeno: in primo luogo, potrebbe trattarsi di una strategia di inganno per allontanare i parassiti nella fase critica della fioritura.
Simile a un falco che vola su un vigneto e impedisce ad altri uccelli di volare sulla pianta e prendere l'uva, le sostanze aromatiche per la fioritura potrebbero segnalare agli insetti parassiti: «Attenzione qui ci sono insetti utili, quindi possibili nemici!»
D'altra parte, potrebbe anche essere un retaggio dello sviluppo dei diversi vitigni.
Per alcune varietà selvatiche, tra cui Vitis muscadinia, l'impollinazione degli insetti sembra invece avere un ruolo.
Quindi se in questi giorni vi trovate all'aria aperta e sentite un profumo delicato, guardatevi intorno, forse una vite sta fiorendo vicino a voi.
Poi avrete l'opportunità di vedere da vicino il suo fiore, che si nota poco ma è di estrema importanza!

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone