Home | Economia e Finanza | Agricoltura | La Festa dell'Uva di Verla di Giovo compie 61 anni

La Festa dell'Uva di Verla di Giovo compie 61 anni

Festeggia il 30° anniversario della Marcia dell'Uva che si svolge dal 21 al 23 settembre

image

>
Dal 21 al 23 settembre la 61° edizione della manifestazione enogastronomica nata per celebrare la fine del lavoro dei campi e della vendemmia.
Tra gli appuntamenti più attesi, la 30° Marcia dell’Uva, gara podistica non competitiva immersi nei tipici vigneti terrazzati della Valle di Cembra, paesaggio storico d'Italia, e la tradizionale sfilata di carri allegorici a tema.
Una storia lunga più di 60 anni per uno degli appuntamenti più amati e partecipati della Valle di Cembra.
 
È la Festa dell’Uva di Verla di Giovo, storica iniziativa nata al termine degli anni Cinquanta per celebrare la fine del lavoro nei campi e della vendemmia, che in questi luoghi, caratterizzati da importanti pendenze incastonate da oltre 700 km di muretti a secco dove spesso non vi è nemmeno la possibilità di sfruttare gli agi offerti dall'utilizzo di mezzi meccanici, è tanto faticosa da venir definita «eroica».
 

 
La manifestazione, organizzata dalla Pro Loco di Giovo con il supporto della Strada del Vino e dei Sapori del Trentino nell'ambito delle manifestazioni enologiche provinciali denominate #trentinowinefest, quest'anno si svolgerà da venerdì 21 a domenica 23 settembre e prevede tre giorni ricchi di festa, durante la quale gli ospiti potranno entrare in contatto con le tradizioni di questi luoghi e degustarne le specialità enogastronomiche.
 
Tra queste, spiccano certamente le proposte vinicole, come Schiava, Chardonnay, Pinot Grigio e, soprattutto, Müller Thurgau, vitigno che in queste terre - grazie al particolare terroir e alle importanti escursioni termiche tra giorno e notte - ha trovato il suo terreno di elezione.
Attese, come al solito, circa 20 mila persone, che si riverseranno per le strade del borgo di Verla di Giovo e potranno partecipare alle numerose iniziative organizzate.
 
In programma, spettacoli teatrali itineranti volti a raccontare la valle e le sue peculiarità, concerti musicali di ogni genere, performance a cura della Filodrammatica di Verla, ma anche esibizioni sportive, danzanti e dedicate alla scultura del legno, mostre artistiche e attività dedicate ai più piccoli, come la caccia al tesoro alla scoperta dei giochi di un tempo.
 

 
E ancora, la decima edizione del Palio dei Congiai, rocambolesca corsa tra le vie del paese muniti di grandi gerle piene di acqua e la trentesima edizione della Marcia dell’Uva, gara podistica non competitiva che ogni anno richiama un migliaio di partecipanti e che si snoda su tre percorsi tra masi e vitigni (5, 10 o 16 km), intervallati da tre punti di ristoro, alla scoperta del meraviglioso paesaggio disegnato dai tradizionali muretti a secco e impreziosito dalle prime sfumature dell'autunno.
 
Ma, soprattutto, la tradizionale sfilata dei carri allegorici, con la quale da 61 anni la Festa dell’Uva rende onore al tema del vino e della vendemmia, che verrà celebrata anche da un video emozionale con immagini storiche delle edizioni passate, in visione presso uno dei vòlti del paese.
Numerose le degustazioni in programma, dove i vini della Valle di Cembra e delle Colline Avisiane saranno assoluti protagonisti.
 
L'appuntamento, in questo caso, è durante speciali iniziative in calendario e presso i 14 stand allestiti lungo il paese e gestiti da un nutrito gruppo di volontari del posto, con grande coinvolgimento dei giovani, come VinoNovo, che proporrà degustazioni alla cieca, o Alla Corte di Bacco.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone