Home | Economia e Finanza | Agricoltura | Cantina Mori Colli Zugna: frode in commercio, 88 gli indagati

Cantina Mori Colli Zugna: frode in commercio, 88 gli indagati

Assieme ai vertici tecnici e amministrativi della azienda la Procura accusa anche 80 soci della cooperativa

La Procura della Repubblica di Rovereto ha concluso le indagini sulla Cantina Sociale di Mori Colli Zugna in merito alle ipotesi di frode in commercio.
Non conosciamo ancora i dettagli, ma secondo quanto ci è dato sapere, gli indagati sono 88, tra soci della cooperativa, i vertici della cantina e gli esterni. La cifra è impressionante se si pensa che i soci sono poco più di 600.
Secondo il NAS, quei soci avrebbero conferito «in maniera sistematica e imponente» uva diversa da quella dichiarata, evidentemente in accordo con i vertici aziendali predisposti al controllo.
 
Insomma, ufficialmente venivano rispettati solo i disciplinari che stabiliscono la resa per ettaro, mentre in realtà i produttori consegnavano uve DOP che DOP non erano affatto.
Il tutto sarebbe emerso dal controllo incrociato della contabilità ufficiale con quella «nera» tenuta a casa da una impiegata compiacente, emersa nel corso delle perquisizioni effettuate allo scoppio dello scandalo.
Una prova difficile da confutare e che potrebbe costare a Presidente e Vicepresidente, a Direttore e Vicedirettore, nonché alla impiegata coinvolta, un’accusa ben più grave della frode in commercio.
 
Inoltre, tra gli indagati ci sarebbero anche dei produttori veronesi che si sarebbero prestati a consegnare vino destinato a passare per «trentino».
Lo scandalo, relativo alle produzioni 2016 e 2017, sarebbe scoppiato perché tra i Vertici della cooperativa e i produttori infedeli era sorto un contenzioso proprio sulle situazioni contabili. Insomma, traditi dall'avidità.
Non appena noti i dettagli dell'inchiesta conclusa, provvederemo a darne notizia più puntuale.
 
Va precisato che la Cooperazione trentina ha sempre svolto i controlli del caso, mentre i soci infedeli e i vertici aziendali si sarebbero adoperati per far sì che sembrasse tutto a posto.
Comunque la si voglia vedere, tuttavia, si tratta di una macchia indelebile per l'intero comparto della viti-vinicoltura trentina.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone