Home | Economia e Finanza | Agricoltura | «Il maltempo di maggio mette in ginocchio l’ortofrutta»

«Il maltempo di maggio mette in ginocchio l’ortofrutta»

Le preoccupazioni espresse dalla principale Organizzazione europea dei produttori: «Raccolte e programmi compromessi, prevediamo un calo di produzione»

Il maltempo di maggio ha messo in ginocchio l’ortofrutta italiana e in particolare le coltivazioni dell’Emilia-Romagna.
L’allarme arriva da Apo Conerpo, la più grande Organizzazione di produttori a livello europeo, con sede nel Bolognese, con oltre 1,1 milioni di tonnellate di frutta e verdura commercializzata, e che associa 6.000 aziende agricole e 50 cooperative, la maggior parte delle quali conferisce pomodoro, vegetali e frutta a Conserve Italia.
Iniziato con insolite nevicate sugli Appennini, un brusco calo delle temperature e piogge intense in pianura, il mese di maggio è proseguito con ulteriori temporali, grandinate e bombe d’acqua che hanno causato le esondazioni dei fiumi e gli allagamenti, fino alle frane degli ultimi giorni.
 
«I danni all’ortofrutta sono ingenti, ci sono raccolti già compromessi e programmi che sono stati completamente stravolti. Prevediamo un importante calo delle produzioni per le colture più colpite» annuncia Davide Vernocchi, presidente di Apo Conerpo.
«Oltre il 50% delle prime ciliegie in raccolta è andato distrutto, speriamo si possano salvare le prossime produzioni altrimenti sarebbe un vero disastro per questo comparto – sottolinea Vernocchi. – Stiamo registrando gravi danni anche per le fragole, mentre a seguito delle ripetute ondate di maltempo si moltiplicano i casi di cascola, la caduta precoce di frutti dalle piante.»
 
Non va meglio alle orticole. «L’allagamento dei campi ha di fatto impedito l’avvio della raccolta del pisello, che doveva iniziare proprio nelle settimane scorse ma per le abbondanti piogge ha subìto gravi dilazioni nei tempi e importanti danni alle piante – continua Vernocchi. – Siamo in ritardo con il 20% della semina del mais. Infine, c’è grande preoccupazione per il pomodoro, che solo per la nostra Organizzazione interessa oltre 450.000 tonnellate di prodotto. Siamo arrivati al 50% di trapianti delle piante di pomodoro, ma il maltempo ha bloccato tutto e non siamo più sicuri che i programmi saranno rispettati. La campagna inizierà sicuramente con un po’ di ritardo e con una prima produzione più scarsa. Speriamo davvero che non si ripeta la situazione dell’anno scorso, quando i cali produttivi in alcuni areali hanno superato il 10% fino a sfiorare quote del 20%.»
 
In conclusione, il presidente di Apo Conerpo Davide Vernocchi sottolinea come «questo clima fuori controllo, con basse temperature e piogge autunnali a maggio, sta mettendo in ginocchio il comparto ortofrutticolo. Esprimiamo forte preoccupazione per la tenuta delle aziende agricole che non possono essere lasciate sole ad affrontare questi cambiamenti climatici epocali.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone