Home | Economia e Finanza | Agricoltura | Specie invasive e controllo biologico, la ricerca trentina a Biofach

Specie invasive e controllo biologico, la ricerca trentina a Biofach

Al Salone del biologico di Norimberga si è svolto un workshop con FEM, UniTrento e Trentino Sviluppo sulle tecnologie e strategie per il controllo delle specie aliene

image

>
A Biofach 2020 di Norimberga, nell’ambito delle iniziative promosse da Trentino Sviluppo, si è svolto ieri pomeriggio un workshop sul tema specie invasive e controllo biologico organizzato da Fondazione Edmund Mach e Università di Trento (C3A) che hanno presentato esempi delle ricerche in corso e delle strategie di controllo ecosostenibili attualmente a disposizione nei confronti dei parassiti alieni.
Come casi di studio si è parlato soprattutto di Drosophila suzukii, il moscerino asiatico dei piccoli frutti, e di Halyomorpha halys, la cimice asiatica marmorata, che stanno causando pesanti perdite economiche e rappresentano una seria minaccia in particolare per l'agricoltura biologica in Europa.
 
«Infatti – spiegano la direttrice del C3A, Ilaria Pertot e il professore Gianfranco Anfora – nessuna delle sostanze disponibili nelle produzioni biologiche è in grado di fornire un controllo efficace di questi insetti esotici, lasciando i coltivatori biologici con la necessità di strumenti di gestione efficienti.»
Pertanto, solo lo sviluppo di metodi di controllo alternativi e biotecnologici può garantire un futuro economicamente sostenibile per l'industria frutticola interessata.
Le prospettive più concrete, efficaci e durature vengono forse dall’attuazione di programmi su vasta scala di lotta biologica classica, utilizzando quindi antagonisti naturali specializzati provenienti dalle aree di origine degli insetti dannosi.
 

 
 BIOFACH 2020 – Salone Leader Mondiale degli Alimenti Biologici 
IL BIOFACH MUOVE IL SETTORE.
Oltre 50 mila visitatori attesi, 3.500 espositori e una popolarità in continua crescita. La fiera Biofach di Norimberga si conferma tra i maggiori eventi al mondo del settore biologico, ambito sempre più caro al Trentino.
Con un ricco programma di iniziative e la presenza di sette imprese, il sistema trentino della trasformazione bio si presenta al mercato tedesco e internazionale con oltre 40 prodotto biologici di qualità.
La fiera, inaugurata ieri e in corso fino a sabato, vede la presenza di uno stand dedicato al sistema Trentino dove gli operatori economici, i giornalisti e gli influencer del settore potranno degustare i formaggi, l’olio, il vino e i prodotti derivati dalle mele, oltre a partecipare a showcooking dedicati ai piatti della tradizione.
Quella di quest’anno è la seconda volta del Trentino a Biofach e rientra tra le iniziative messe in campo da Trentino Sviluppo rivolte alle imprese che si occupano di trasformazione di prodotti biologici sul territorio, un settore in crescita e sempre più sinergico.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni