Home | Economia e Finanza | Commercio | Il presidente Bort incontra il vice-ambasciatore dell'Ucraina

Il presidente Bort incontra il vice-ambasciatore dell'Ucraina

Una visita istituzionale alla Camera di Commercio di Trento a sostegno del processo di internazionalizzazione delle imprese

In mattinata, presso la sede centrale della Camera di Commercio di Trento, il presidente Giovanni Bort e il Segretario generale Alberto Olivo hanno ospitato la visita di Dmytro Volovnykiv, Viceambasciatore della Repubblica di Ucraina, in missione ufficiale in Trentino.
 
Al centro dell’incontro, che si è svolto in un clima cordiale e al quale hanno partecipato anche Barbara Fedrizzi, Presidente di Trentino export, Achille Spinelli, Assessore allo sviluppo economico, ricerca e lavoro della Provincia autonoma di Trento e Raffaele Farella, Responsabile del Servizio provinciale per le attività internazionali, è stata posta la volontà di conoscersi e di esplorare le numerose potenzialità di sviluppo economico dei rispettivi territori.
 
«Le nostre imprese sono consapevoli dell’importanza di saper allargare i confini del proprio giro d’affari – ha sottolineato il presidente Bort – e incontri come quello di oggi ci permettono di creare i presupposti istituzionali necessari a favorire il loro processo di internazionalizzazione, senza il quale le prospettive di sviluppo diminuirebbero consistentemente.
«Il recente incremento dei rapporti di interscambio commerciale con l’Ucraina merita dunque di essere incentivato e ulteriormente sviluppato nel reciproco interesse delle nostre economie.»
 
«L’Ucraina – ha spiegato il viceambasciatore Volovnykiv – è un Paese che presenta una vivace dinamica del Pil e interessanti previsioni di crescita.
«Nel 2018 la produzione industriale ha registrato un aumento del 2,2%, quella agraria un +2% e il settore delle costruzioni è cresciuto del 5,7%.
«Si tratta dunque di un’economia in decisa espansione e apertamente interessata a integrarsi con il mondo occidentale, processo favorito anche dall’Accordo di associazione siglato con l’Ue, che allinea i settori chiave dell’economia ucraina agli standard europei.»
 
Considerando il valore delle esportazioni, l’Ucraina rappresenta il 54° Paese in ordine di importanza per la provincia di Trento che, nel 2017, vi ha esportato merci per circa 7,6 milioni di euro, in aumento del 63,2% rispetto al 2016.
Le importazioni, dopo aver registrato un calo nel 2013 e nel 2014, hanno segnato una crescita negli ultimi tre anni assestandosi, nel 2017, sugli 8,1 milioni di euro, il 21,5% in più rispetto al 2016 e quasi il doppio rispetto a quanto rilevato nel 2014.
 
Le principali voci delle merci che dalla provincia di Trento vengono esportate in Ucraina riguardano «Macchinari e apparecchi n.c.a.» per un valore pari a 2.231.203 euro e «Articoli in gomma e materie plastiche, altri prodotti della lavorazione di materiali non metalliferi» per 1.473.679; mentre dall’Ucraina in Trentino viene importato soprattutto «Legno e prodotti in legno; carta e stampa» per un totale di 4.937.938 euro e «Metalli di base e prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti» per 2.143.711 euro.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone