Home | Economia e Finanza | Lavoro | Lavoro e sviluppo, 500 trentini a Roma con Cgil Cisl Uil

Lavoro e sviluppo, 500 trentini a Roma con Cgil Cisl Uil

Ianeselli, Pomini e Alotti: «Per fare ripartire il Paese servono investimenti veri, no assistenzialismo. Solo gli investimenti in crescita producono occupazione»

image

>
Sette pullman, più numerose persone in treno. Sono almeno 500 le persone, lavoratori, pensionati e giovani che sono partiti dal Trentino per partecipare alla manifestazione nazionale di Cgil Cisl Uil. In una piazza San Giovanni gremita di gente i sindacati confederali hanno chiesto un cambio di rotta al Governo per fare ripartire il Paese.
«L’Italia è in recessione tecnica – ribadiscono anche i segretari trentini Franco Ianeselli, Lorenzo Pomini e Walter Alotti – e le ultime stime sul Pil lo confermano.
«Il Governo sembra, però, non accorgersene.
«Al di là dell’ottimismo del nostro premier Conte, la situazione del Paese è preoccupante. Serve una cura decisa, che passa necessariamente per investimenti in sviluppo e conoscenza, serie politiche industriali.
«Solo così si può sostenere la crescita e creare lavoro. Non è certo con misure assistenzialistiche come il reddito di cittadinanza, almeno per come è costruito, che si risolve il problema dell’occupazione e, purtroppo, neanche quello della povertà.»
 

 
I sindacati hanno chiesto anche un cambio di rotta su fisco e pensioni. Sul primo punto l’affondo è netto: la politica fiscale è iniqua e rinuncia contrastare in maniera efficace l’evasione.
Sulle pensioni quota 100 è solo un provvedimento una tantum che dà risposte solo ad una fascia di gente, per tre anni, senza affrontare una vera riforma previdenziale che tenga conto della diversità dei lavori, che consideri il lavoro di cura delle donne, che metta al centro i giovani con il progetto di una pensione di garanzia.
La Piazza ha accolto molte testimonianze di lavoratori e lavoratrici, molti gli interventi critici sulle politiche di immigrazione e sul decreto sicurezza, provvedimenti che creano disuguaglianze, che vanno contro i principi di uguaglianza e solidarietà.
Nella capitale sono arrivati hanno sfilato migliaia di persone. Dalla prima mattinata sono arrivati a Roma 1.300 autobus da tutta Italia, 12 treni straordinari e due navi.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone