Home | Economia e Finanza | Ricerca e innovazione | A Povo la prima giornata di lancio del progetto «RMTechFlow»

A Povo la prima giornata di lancio del progetto «RMTechFlow»

Prende oggi avvio il progetto europeo di formazione per il trasferimento tecnologico avanzato coordinato da HIT-Hub Innovazione Trentino

Si è tenuta oggi a Povo la prima giornata di lavori dell’evento di lancio del progetto europeo «RMTechFlow», coordinato da HIT e finanziato dal programma EIT Raw Materials.
Il progetto, vinto nel corso del 2018 e con un budget di poco inferiore al mezzo milione di euro, vede la partecipazione di rilevanti partner europei come il Trinity College di Dublino (Irlanda), l’azienda spagnola Tecnalia, il centro di trasferimento tecnologico svedese LTU Business, l’Università di Cracovia AGH (Polonia) e la multinazionale danese FLSmidth.
 
Il finanziamento europeo è orientato ad offrire formazione di alto livello al personale di centri di ricerca e università sui temi del trasferimento tecnologico avanzato, con lo scopo di formare fino a 180 professionisti in due anni, aumentando così la capacità di commercializzare tecnologie innovative sviluppate all’interno dei centri di ricerca e delle Università.
Più nel dettaglio, l’obiettivo è fornire a ricercatori, docenti universitari, innovation manager e specialisti del trasferimento tecnologico una serie di strumenti e metodi per orientare le attività di ricerca, comprendendo i bisogni delle imprese e del mercato.
 
La formazione avverrà all’interno di sei workshop della durata di un giorno e mezzo ognuno organizzati nel corso di due anni.
Sarà ancora Trento la sede del primo workshop, già previsto nel mese di giugno 2019. Anche i temi trattati sono stati individuati, in particolare: come riconoscere i trend tecnologici; come valutare il potenziale di mercato di tecnologie o altre proprietà intellettuali; come identificare potenziali aziende clienti e come negoziare efficacemente con esse; come scegliere la strategia di valorizzazione (licenza di brevetto, creazione di startup).
I workshop saranno a numero chiuso: verranno selezionati ricercatori attivi su tecnologie potenzialmente utilizzabili dall’industria mineraria e metallurgica.
Una parte dei workshop sarà inoltre dedicata ai professionisti del trasferimento tecnologico.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone