Home | Economia e Finanza | Ricerca e innovazione | Per la prima volta il Trentino si presenta a Bio Philadelphia

Per la prima volta il Trentino si presenta a Bio Philadelphia

Scienze della vita, Provincia, Trentino Sviluppo, HIT e Cibio hanno partecipato all'evento che si è tenuto dal 3 al 6 giugno negli USA

image

>
Per la prima volta il sistema trentino della ricerca e dell’innovazione ha partecipato al più importante evento mondiale dedicato alle scienze della vita, che si è tenuto dal 3 al 6 giugno a Philadelphia, negli Stati Uniti.
Attraverso la collaborazione tra Trentino Sviluppo, Hub Innovazione Trentino-HIT e Provincia autonoma di Trento è stato realizzato un articolato programma di attività finalizzato a promuovere l’emergente ecosistema del biotech trentino che accanto a CIBIO, il Centro di Biologia Molecolare dell’Università di Trento - principale protagonista della missione di promozione negli USA - vede un numero crescente di piccole imprese e start up attive in questo settore di frontiera.
Tra gli obiettivi primari dell’iniziativa, quello di promuovere l’attrazione in Trentino di attività, competenze e investimenti internazionali nonché valorizzare le opportunità di partnership strategiche sul piano commerciale, industriale e scientifico-tecnologico sul mercato nordamericano ed europeo.
Una presenza indispensabile da parte del nostro territorio, ed una partecipazione attiva e diretta, con incontri d’affari, uno stand organizzato all’interno del Padiglione Italia - curato da ICE, l’Agenzia Italiana per il Commercio estero - e molte altre attività di business promotion per l’intera durata della Convention.
 
La città della Pennsylvania, ricca di luoghi e simboli legati alla rivoluzione per l’indipendenza americana, ma sviluppatasi anche come fulcro internazionale per il settore scientifico e medico, ha ospitato lo straordinario evento  dedicato alle scienze della vita, al quale il sistema trentino non è voluto mancare.
Bio International Convention è infatti il più importante appuntamento  mondiale del settore, grazie al coinvolgimento dei maggiori bio-cluster degli USA e del panorama internazionale.
Oltre 17 mila gli operatori partecipanti e più di 1.000 gli espositori (tutti i più importanti player del settore), provenienti da 74 Paesi.
Opportunità di investimento, partnership tecnologiche e collaborazioni industriali in tutti i segmenti del settore delle scienze della vita quali la genetica e la genomica, la biologia cellulare, la bioinformatica e l’intelligenza artificiale, il «drug discovery» con una focalizzazione industriale orientata allo sviluppo dei prodotti e delle piattaforme tecnologiche sono tra le motivazioni che hanno portato il Trentino a parteciparvi per la prima volta all’interno del programma di promozione italiano.
 

 
Già in altre tre occasioni le imprese e i centri di ricerca del Trentino si erano presentati agli eventi organizzati in collaborazione con ICE ed Invest in Italy a confermare una cooperazione crescente, al centro di un recente incontro tra l’assessore provinciale allo sviluppo economico ricerca e lavoro Achille Spinelli e il sottosegretario per il Commercio Internazionale Michele Geraci in occasione del Festival dell’Economia.
Nella tre giorni di lavoro e di partecipazione allo Stand Italiano, numerosi sono stati gli incontri con investitori, aziende farmaceutiche, centri di ricerca, governi territoriali e associazioni d‘impresa.
Una particolare menzione merita la presentazione del sistema trentino della ricerca e dell’innovazione all’evento organizzato dal Consolato Generale d’Italia a Philadelphia, il rinomato Studio d’affari Pepper and Hamiton e ICE nelle ore immediatamente precedenti all’apertura di Bio 2019 su: «Invest in Italy, regional schemes and incentives in the biotech area», che ha avuto luogo presso la splendida sede dell’Union League di Philadelphia, uno dei più antichi e prestigiosi club americani.
L’evento aperto dal Console Generale d’Italia Forlano, ha visto la ristretta e assai qualificata presenza di rappresentanti di fondi di investimento, venture capitalist e operatori finanziari americani di settore.
 
La partecipazione a BIO 2019 é stata anche l’occasione per conoscere alcune selezionate realtà del bio-cluster della Pensylvania e delineare alcune prospettive e ipotesi di cooperazione.
Tra di essi il Pennsylvania Biotechnology Center, importante polo scientifico localizzato a Doylestown con oltre 40 società pharma e biotech incubate tra cui anche realtà quotate al Nasdaq e la presenza del prestigioso istituto di ricerca Baruch Blumberg dedicato alla ricerca sulla epatite B e cancro al fegato.
Molto proficui anche le visite e gli scambi avuti con i vertici di FlowMetric Life Sciences, società specializzata nella ricerca a contratto in particolare con riguardo alle applicazioni biotech al settore del benessere e della prevenzione personalizzata.
«Quello delle biotecnologie è attualmente il settore a maggior crescita del panorama tecnologico ed economico internazionale – ha dichiarato l’assessore Spinelli a margine della missione - oltre che con la maggiore mobilità di investimenti ed iniziative imprenditoriali su scala globale. Il Trentino vuole essere parte di questi processi di crescita e sviluppo economico internazionale valorizzando i risultati del lavoro di ricerca svolto in questi anni.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone