Home | Economia e Finanza | Ricerca e innovazione | Scioglimento permafrost: Summer school per il monitoraggio

Scioglimento permafrost: Summer school per il monitoraggio

In Eurac Research, il corso avanzato per 20 ricercatori e un evento informativo per la cittadinanza con il geologo Volkmar Mair

image

>
Il permafrost, così come i ghiacciai e il manto nevoso, è uno dei sensori naturali che ci permettono di vedere l’impatto dei cambiamenti climatici in atto e mitigarne le conseguenze.
Eurac Research sta lavorando da 5 anni al monitoraggio del permafrost in Alto Adige e ha sviluppato metodi innovativi per la raccolta e l’analisi di questi dati.
Lo studio del permafrost e l’utilizzo di questi strumenti sono al centro di una Summer school che si tiene a Bolzano dal 16 al 19 luglio organizzata da Eurac Research, Università di Pavia, Università di Innsbruck, Provincia Autonoma di Bolzano e CNR – Consiglio Nazionale delle Ricerche.
Il 17 luglio alle ore 18 in Eurac Research si terrà un incontro divulgativo e aperto al pubblico sul permafrost tenuto da Volkmar Mair, direttore dell’Ufficio Geologia e Prove Materiali della Provincia Autonoma di Bolzano.
 
Monitorare le deformazioni su terreni perennemente ghiacciati – secondo la definizione il permafrost è un terreno ghiacciato da almeno 2 anni – è di grande importanza per monitorare i rischi legati all’instabilità dei versanti in alta quota ed evitare danni alle infrastrutture, come impianti d’alta quota, a sentieri e rifugi alpini.
Per farlo, geologi e ingegneri di Eurac Research in collaborazione con i ricercatori dell’Università di Pavia e dell’Università di Innsbruck, hanno messo a punto strumenti e nuove metodologie.
 
 

Immagini satellitari di ultima generazione che arrivano dal satellite Sentinel-1 dell’Agenzia spaziale europea e del satellite radar tedesco TerraSAR-X sono integrate da misure a terra e fotografie aeree scattate da droni.
L’uso di queste tecnologie e l’analisi dei dati che ne derivano saranno al centro delle lezioni della Summer school internazionale, organizzata all’interno del progetto Alpsmotion, che mira a formare sull’argomento dottorandi e giovani ricercatori.
 
Gli studenti saranno accompagnati anche in una delle aree di studio in Val Senales, dove i ricercatori stanno monitorando il permafrost del ghiacciaio roccioso di Lazaun.
Nella cornice della Summer school, Volkmar Mair, direttore dell’Ufficio Geologia e Prove Materiali della Provincia Autonoma di Bolzano, sarà protagonista di un evento divulgativo su permafrost, sicurezza dei versanti delle nostre montagne e gestione dei rischi naturali nelle Alpi.
L’appuntamento è per mercoledì 17 luglio, ore 18, in Eurac Research, viale Druso 1.
L’evento è aperto a tutti e gratuito.
 

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone