Home | Economia e Finanza | Turismo | Estate 2019: italiani in viaggio ma più attenti alle spese (-9,5%)

Estate 2019: italiani in viaggio ma più attenti alle spese (-9,5%)

Settembre prima scelta per il 15,3% dei vacanzieri – Federalberghi: «Una stagione frenata dalla crisi e dall’incertezza della politica»

«Il dato sulle vacanze 2019 ci consegna un quadro molto realistico della situazione che il Paese sta vivendo: gli italiani non rinunciano al viaggio, ma sono più attenti alle spese; prediligono il mare ma riducono la durata del soggiorno soprattutto per motivi economici. Inoltre, diminuiscono i vacanzieri che scelgono settembre come mese ideale per la propria vacanza principale.»
È una fotografia dell’andamento turistico dell’estate italiana anche in previsione di settembre quella che il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca, presenta a commento dell’indagine realizzata con il supporto tecnico dell’Istituto ACS Marketing Solutions.
 
«La performance di quest’anno non ha certo eguagliato il record del 2018 – aggiunge Bocca – Complice è senz’altro la crisi economica, che ha spinto molti turisti a scegliere destinazioni a basso costo.
«I paesi del Mediterraneo come Tunisia, Egitto o Turchia hanno prodotto offerte super competitive, ora che queste località sono considerate meno a rischio dal punto di vista della sicurezza.
«Ma di fronte a questa politica dei prezzi le imprese turistiche italiane non possono molto, considerando che in quei paesi vi sono sistemi di tassazione di gran lunga inferiori ai nostri.»
 
«In questo contesto, inutile negarlo, a pagare il prezzo più alto è il turista di mezzo, – afferma Bocca. – La classe media insomma, che come soluzione opta per la rinuncia al viaggio.
«Nel nostro mondo vi è preoccupazione per la situazione di incertezza politica ed economica, – lamenta il presidente di Federalberghi. – Possiamo solo sperare che per la manovra di bilancio vengano rispettate le nostre priorità.
«Cioè scongiurare l’aumento dell’aliquota IVA, riattivare il credito di imposta per la riqualificazione delle strutture ricettive e, ultimo ma non certo da ultimo, completare la legislazione in tema di contrasto alle attività abusive.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni