Home | Economia & Finanza | Artigianato | Tende da giardino: quali scegliere

Tende da giardino: quali scegliere

Con l’estate la voglia di stare all’aria aperta la fa da padrone

Arriva l'estate e la voglia di stare all'aria aperta la fa da padrone.
Certo, nei mesi più caldi dell'anno si desidera anche un po' di ombra e di riparo... ed ecco che, prima o poi, ci si chiede se non sia il caso di installare delle belle tende da sole sul proprio terrazzo o, perché no, anche in giardino se ne disponete.
Come andremo a vedere, esistono diversi tipi di tende da sole, che, a seconda delle loro caratteristiche, si adattano a varie esigenze.
In più, se siete amanti del fai da te, potrete cimentarvi voi stessi con l'acquisto e l'installazione delle tende da giardino ideali per voi presso i negozi specializzati o presso la grande distribuzione dei punti vendita dedicati proprio al fai da te.
 
 Tipologie  
Come abbiamo anticipato, esistono svariate tipologie di tenda che si possono montare sul terrazzo o in giardino, vediamo quali.
La prima categoria a cui facciamo riferimento sono le tende fisse. Tale tipologia di tenda presenta un fissaggio a muro, che può essere fatto sia sulla parete orizzontale (nella maggior parte dei casi), oppure se disponibile sul soffitto esterno (molto meno spesso).
Tale tenda presenta poi due bracci che accompagnano il suo srotolamento su un apposito rullo e che può avere un movimento manuale oppure elettroattuato, a seconda delle preferenze.
Nella stragrande maggioranza dei casi, però, la tenda è semplicemente aperta o chiusa con un bastone direttamente collegato, mediante ingranaggi, al movimento del rullo.
I bracci e la struttura possono essere realizzati in alluminio oppure avere anche inserti in materiale plastico.
Questa tipologia di tende è piuttosto versatile, si adatta bene ad essere applicata su un balcone o un terrazzo, o ancora nella veranda esterna o sopra ad una finestra che dà direttamente sul giardino; il suo grande vantaggio poi è di poterla regolare a piacimento: ad esempio, se non la vogliamo aprire completamente, possiamo decidere di aprirla solo in parte.
 
Altra tipologia di tende è definita «a caduta». Queste, come suggerisce il nome, vengono srotolate verticalmente e applicate generalmente al soffitto, e sono prettamente indicate per l'utilizzo su balconi e terrazzi.
Viene dunque applicato a soffitto con i propri supporti il rullo, che al suo interno contiene la tenda. Quando la tenda viene srotolata arriva fino alla ringhiera del balcone o del terrazzo e il movimento viene generalmente attivato da una cordicella o catena.
Anche in questo caso i materiali utilizzati per la struttura sono l'alluminio e, a volte, un componente plastico.
 
Esistono anche tipologie con una sorta di telaietto che ricalca tutta l'area della tenda aperta, così da permettere una piccola apertura verso l'esterno. Questo particolare consente di beneficiare di un migliore ricircolo d'aria.
In alternativa, è disponibile sul mercato anche una versione ancora più semplice ad anelli, semplicemente infilati su di un'asta posta a muro. Così facendo si può montare la tenda solamente all'occorrenza, potendola anche spostare lateralmente nel caso si voglia coprire solo una parte di balcone.
Il principale vantaggio della tenda a caduta, qualsiasi sia la sua conformazione, è che, in poco spazio, offre una copertura totale del terrazzo o balcone, inoltre risulta anche più leggera e facile da montare, anche per chi non ha grande dimestichezza con il montaggio di tende da giardino.
 
 Personalizzazioni  
Un vantaggio da non trascurare, che accomuna le tende da giardino, è la grandissima possibilità di personalizzazione. Basti pensare al semplice tessuto che costituisce la tenda in sè, permette un ventaglio di scelta ampissimo.
Per quanto riguarda i colori, è possibile decidere di installare una tenda a tinta unita, oppure policroma; in questo caso si può avere a righe semplici o più articolate, che donano un'estetica più o meno ricercata in base a dove vengono applicate.
Ovviamente la scelta ricadrà in primo luogo basandosi sul gusto personale, e poi ovviamente andando a cercare il giusto abbinamento con l'estetica della propria abitazione. La scelta, come detto, è molto disparata.
I colori tenui garantiscono una buona protezione dal sole, permettendo un piccolo passaggio di luce così da avere un buon irraggiamento, fondamentale per non essere completamente in ombra.
Scegliendo colori troppo scuri, invece, il rischio è che si formi sotto la tenda un vero effetto sauna, decisamente poco piacevole, anche se i materiali attuali in tal senso offrono un'ottima protezione da questo possibile inconveniente.
 
 Scelta del tessuto per le tende  
I materiali che si possono adottare per le tende da giardino sono l'acrilico (molto in voga fino a qualche anno fa) ed i materiali plastici (come il poliestere, praticamente diventati lo standard attuale).
Per la realizzazione delle classiche tende in acrilico, le fibre vengono tinte fin nel profondo, successivamente subiscono un secondo trattamento che permette loro di diventare idrorepellenti, ed evita lo spiacevole inconveniente di ritrovarsi con le tende intrise di muffe, cosa che potrebbe invece succedere se l'acqua vi stagnasse sopra.
Grazie a questo speciale trattamento l'acqua non si fermerà mai sulla tenda, ma anzi scivolerà via con grande facilità.
 
La tipologia che invece va per la maggiore tanto da poter essere definita l'attuale standard, è la tenda in poliestere. Tale materiale garantisce una buona resistenza agli agenti atmosferici, assicurando anche una lunga durata nel tempo.
Nello specifico, il tessuto in poliestere è rivestito di PVC e ha il grosso vantaggio di proteggere molto efficacemente dai raggi solari. Uno dei grossi vantaggi della tenda in poliestere è anche la facilità con la quale può essere pulita.
Altro fattore da non sottovalutare è la grandissima resistenza al vento offerta da questo tipo di materiale: le tende in poliestere sono praticamente a prova di strappo, cosa che invece, col tempo è più facile che accada nelle tipologie classiche in acrilico.
E ancora, la tenda in poliestere difficilmente scolorirà con il tempo, cosa che invece è molto frequente con le classiche tende in acrilico.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni