Home | Economia | Commercio | L’eterna lotta nella scelta dell’orologio: analogico o digitale?

L’eterna lotta nella scelta dell’orologio: analogico o digitale?

I fan dei digitali parlano dell’orologio analogico come fonte di stress-relax – Gli amanti dell’analogico guardano al digitale come un giocattolo per bambini...

L’eterna lotta nella scelta dell’orologio: analogico o digitale?
I fan degli orologi digitali parlano dell’orologio analogico come un interminabile ticchettare fra stress-relax, stress-relax – Gli amanti dell’analogico guardano al digitale come un giocattolo per bambini, decantando la classe delle lancette e del meccanismo meccanico.
I fan degli orologi digitali parlano dell’orologio analogico come un interminabile ticchettare fra stress-relax, stress-relax.
Dal canto loro, gli amanti dell’analogico guardano al digitale come un giocattolo per bambini, decantando la classe delle lancette e del meccanismo meccanico.
Dove sta la verità? Quali sono i vantaggi dell’uno e dell’altro? E gli svantaggi?

L’orologio ai tempi della meridiana e degli orologi sui campanili aveva una funzione puramente pratica e organizzativa, per scandire il tempo del lavoro e della preghiera.
Dal Quattrocento già qualcuno iniziava a girare con un orologio portatile a molla, nel Seicento la richiesta del prodotto era diffusa, l’orologio era un must, una bandierina che mostrava la ricchezza e l’impegno intellettuale.
Con l’evoluzione ed il passare dei secoli, l’orologio diventa un vero e proprio status symbol e un apparecchio estremamente utile. Il primo orologio da polso è datato al XIX secolo, ed era per le donne.
L’uomo infatti continuava ad avere l’orologio da tasca.
La moda dell’orologio da polso da uomo è stata lanciata da Louis Cartier, che ne fece un oggetto di pregio diffusissimo. Da allora, l’ascesa del ruolo di questo accessorio non è mai tramontata.
 
Oggi la contesa è fra i moderni orologi analogici e quelli digitali. La differenza sostanziale fra queste due tipologie è che nei digitali si ha una visualizzazione di ore e minuti sul quadrante numerico, senza lancette. Negli analogici invece la visualizzazione è con le classiche lancette.
Alcune aziende che producono oggi orologi si sono orientate solo su una categoria delle due. Altre, rare, hanno deciso invece di proporre ai consumatori entrambe le tipologie di orologi, proponendo quanto di meglio offre la tecnologia e l’innovazione sia nel digitale che nell’analogico.
Un esempio sono per esempio gli orologi Sector.
 
 L’orologio analogico: classe senza tempo 
L’analogico è l’erede dell’antica meridiana. Il primo modello analogico è datato al lontano 1300. Questa categoria di orologi sono quindi sicuramente i più antichi, ogni ticchettio di lancette ricorda tempi antichi.
Proprio per questo è un tipo di orologio (https://www.kronoshop.com/sector-B16.htm) intramontabile e classico, un accessorio d’eleganza senza tempo. I movimenti che si possono avere negli orologi analogici sono al quarzo, a carica automatica, con movimento meccanico o svizzero.
Non c’è modello digitale che abbia la classe di un orologio analogico, anche se effettivamente alcuni modelli di Sector o di altri marchi potrebbero mettere il dubbio.
La precisione degli orologi analogici è valida, ma sicuramente non alla frazione del secondo come i digitali. Come funzioni inoltre sicuramente sono molto semplici.
Questi orologi vanno bene per chi non ha bisogno di grandi funzionalità.
 
 L’orologio digitale: sapore di innovazione e tecnologia 
L’avvento della tecnologia ha digitalizzato tutto, anche gli orologi. Questi orologi si sono diffusi con i primi elettrodomestici e sono figli dell’epoca moderna degli anni Settanta.
Le funzioni di questi orologi possono essere innumerevoli oggi: si può avere l’altimetro, il cronometro, il barometro, il misuratore della frequenza cardiaca, il contapassi, il GPS, il sistema di controllo del peso e molto altro.
Se per qualche decennio si sono un po’ dimenticati questi orologi, lasciati perlopiù agli sportivi, oggi sono tornati alla ribalta. I modelli sono sempre più belli e sono in moltissimi a cercare lo smartwatch, che si integra col cellulare e offre tantissime funzioni.
La scelta è ardua, per scegliere è necessario domandarsi che cosa ci si aspetta da un orologio e per cosa si usa. Sector propone una linea completa per entrambe le tipologie, c’è l’imbarazzo della scelta.
Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande