Home | Economia | Commercio | Ora di cambiare il Pc. Cosa comprare: un fisso o un portatile?

Ora di cambiare il Pc. Cosa comprare: un fisso o un portatile?

Oggi le utilità dei due tipi di computer sono indicati a precisi campi d'impiego

Negli ultimi anni sono sempre di più coloro che scelgono di utilizzare i computer portatili invece che quelli fissi.
C’è stato un tempo in cui questi erano per certi versi un po’ snobbati ed accantonati perché di certo non potevano paragonarsi per performance a quelli fissi.
Oggi però le cose sono cambiate, le varie componenti per pc si sono ridotte di dimensione e sono diventate sempre più performanti, rapide ed efficienti.
Ne consegue che i modelli di portatili degli ultimi tempi sono dei veri portenti, talvolta anche di qualità superiore rispetto al pc fisso da scrivania.
Le due tipologie di device hanno comunque delle peculiarità che li caratterizzano e per questo in base alle esigenze una persona potrebbe optare per l’uno o per l’altro. Cerchiamo di fare chiarezza.
 
 Il PC portatile ed i suoi vantaggi 
La caratteristica più ovvia di un pc portatile è che, per l’appunto, è «portatile».
Questo significa che si può portare con sé ovunque: in vacanza, in ufficio o a casa, in treno etc. Per chi non lavora sempre nello stesso posto questa caratteristica è fondamentale. In questo senso conta molto il peso del computer che può essere variabile: quelli più tecnologici possono pesare anche meno di 2 chili (la metà dei portatili di una volta).
Anche avere in casa un portatile è comunque più comodo perché si può spostare da una stanza all’altra e è decisamente meno ingombrante, oltre che esteticamente più piacevole.
Con un computer portatile è possibile anche per esempio guardare i film in streaming collegandolo alla tv.
 
Quando un portatile invece è assolutamente sconsigliato? Per esempio per il gaming, visto che ha di norma schede grafiche che non sono un granché.
Oltre a questo, non si presta perché è una macchina su cui le modifiche e le sostituzioni (tipiche per trasformare un computer tradizionale in un pc per gamer) sono molto, molto limitate.
In questo senso un pc portatile diventa obsoleto in poco tempo perché non vi si possono fare molti miglioramenti nel corso del tempo.
Quello che si può fare, comunque, è bene non farlo fare ad un centro qualunque per pc, ma ad un centro riparazione computer portatili a Milano o ovunque sia che sia proprio specializzato nella riparazione di questo genere di dispositivi, poiché sono molto meno facili da gestire rispetto ai modelli fissi.
 
 Il computer fisso: perché sceglierlo? 
Il computer fisso è diverso rispetto al portatile perché non si può spostare in continuazione.
Non solo per via dell’ingombro, ma anche proprio perché non è fatto per questo scopo e si rischia con il tempo di fare danni.
Chi ha un computer di questo tipo deve prevedere per questo una zona dedicata che ospiti non solo il PC inteso come il case, ma anche tutte le sue periferiche come il case, la tastiera, il monitor, il mouse. In proporzione il computer fisso costa meno rispetto ad un portatile, anche se ovviamente ci sono dispositivi e periferiche particolari che possono far lievitare il prezzo.
Con più spazio a disposizione per ospitare le varie componenti non di rado il computer fisso risulta essere più potente e più performante, senza contare che nel corso del tempo si può personalizzare ed aggiornare a piacere in base alle proprie esigenze.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande