Home | Economia | Ricerca e innovazione | Il biogas made in Italy fa scuola in Europa

Il biogas made in Italy fa scuola in Europa

Gli irlandesi della cooperativa agricola Drinagh studiano il modello Greenway


 
Dopo soli tre anni di attività, il caso della centrale a biomasse Greenway si impone all’attenzione degli agricoltori della storica cooperativa irlandese del West Cork, intenzionati a seguire la «via verde» all’energia imboccata dai colleghi del Medio Friuli.
Il presidente Greenway Marco Tam: «L’Italia è il terzo Paese produttore al mondo, stiamo voltando una pagina di storia nell’uso delle risorse passando dalle fonti fossili alle rinnovabili: non perdiamo l’occasione di promuovere in Europa una soluzione sostenibile che fa bene all’ambiente e all’economia dei territori.»
 
Il biogas made in Italy fa scuola: per studiare il modello di attività su cui, negli ultimi anni, hanno puntato diverse aziende agricole in Italia, gli agricoltori della storica cooperativa Drinagh hanno scelto Greenway.
La società agricola del Medio Friuli ha realizzato e completato nel 2012 nel Comune di Bertiolo (UD) un impianto a biomasse alimentato da una filiera corta di una quindicina di imprese agricole che hanno reagito alla crisi del settore convertendo la propria attività tradizionale nella produzione di biogas.
Una scelta che sta pagando in termini di risultati e che rappresenta una via locale all’energia pulita in cui l’Italia, per produzione, può vantare un lusinghiero terzo posto nel mondo alle spalle di Cina e Germania con1,8 miliardi di metri cubi di metano equivalente annui, 12mila addetti e 4,5 miliardi di euro di investimenti (dati Consorzio italiano biogas).
«Quello di Greenway è un modello vincente che vogliamo provare ad applicare in Irlanda –ha affermato il responsabile della cooperativa Drinagh, Maurice O’Callaghan, a seguito dell’ultima visita fatta a dicembre alla centrale di Bertiolo. – Anche in Irlanda gli agricoltori conoscono le difficoltà che hanno investito il settore in Italia e stanno provando a riorientare parte della propria attività: il biogas, che da noi non ha trovato ancora diffusione, rappresenta una soluzione di grande interesse che vogliamo percorrere a breve.»
 
«Recentemente il Consorzio italiano biogas ha sottolineato le grandi potenzialità che si schiudono al nostro settore e cui possono dare ulteriore impulso alcuni orientamenti normativi sia a livello comunitario sia nazionale che rispecchiano una sensibilità sempre più marcata verso gli impatti ambientali positivi di questa fonte energetica – commenta Marco Tam, presidente di Greenway Agricola a r.l. – siamo soddisfatti quindi di mettere il nostro know-how a disposizione di colleghi stranieri interessati sia alle opportunità di business che si schiudono, sia ai temi dell’ambiente e della sostenibilità, centrali in una scelta strategica come quella del biogas, che è a impatto zero e che stimola l’economia dei territori.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande