Home | Economia | Ricerca e innovazione | «Voi presentate i problemi, che a risolverli ci pensiamo noi»

«Voi presentate i problemi, che a risolverli ci pensiamo noi»

Tre aziende chiedono aiuto per migliorare i loro prodotti e trenta studenti e giovani ricercatori dell’Università si metteranno al lavoro per proporre le soluzioni migliori

image


Come migliorare i prodotti spray, gli scarponi da sci alpinismo e un giunto per il motore?
Tre aziende lo chiedono all'Università e 30 giovani si mettono in gioco per trovare le soluzioni migliori. La seconda edizione di IPSP, Industrial Problem Solving with Physics, entra nel vivo.
Sono state selezionate le tre aziende con i loro problemi industriali in cerca di soluzione. Si tratta di Coster tecnologie speciali, La Sportiva e Pama.
Chi intende mettersi in gioco - studenti di laurea magistrale, studenti di dottorato, assegnisti di ricerca e borsisti in ambito tecnico e scientifico - può inviare la candidatura online ed essere tra i 30 che parteciperanno alla sfida dal 20 al 25 luglio.
IPSP, Industrial Problem Solving with Physics, è un'iniziativa organizzata dal Dipartimento di Fisica e dalla Divisione Supporto Ricerca Scientifica e Trasferimento Tecnologico dell'Università di Trento in collaborazione con Confindustria Trento e Trentino Sviluppo - Polo Meccatronica.
Si ispira a «Physics with Industry», organizzato in Olanda dal FOM (fondazione di ricerca analoga all'ex INFN italiano).
Il progetto trentino mira ad avvicinare il mondo della formazione e della ricerca e il mondo della produzione nel segno dell'innovazione. Un'occasione di confronto e di crescita. Una competizione che vede usare le armi della conoscenza scientifica per dare risposte a problemi specifici.
 
I 30 giovani che saranno selezionati con il bando, divisi in 3 gruppi da 10 ciascuno, avranno la possibilità di avvicinarsi al tipo di ricerca che viene condotta in ambito industriale.
Al tempo stesso potranno dimostrare le loro capacità, personali e di squadra, ad aziende potenzialmente interessate ai loro profili e contribuiranno allo sviluppo di soluzioni che potranno venir inserite nelle linee di produzione.
Tra gli obiettivi di IPSP c'è la valorizzazione della figura professionale del fisico, o più in generale del giovane ricercatore in ambito scientifico, presso le realtà aziendali.
Quindi far sperimentare a dei giovani motivati dell'Università la possibilità di applicare le proprie conoscenze e capacità a problemi concreti. Infine raccogliere informazioni riguardo alle necessità e alle richieste che il mondo industriale ha nei confronti dell'Università.
Consapevoli anche che la ricaduta dei risultati della ricerca sul territorio può contrastare la fuga dei cervelli e delle aziende.
 
Info sul progetto tramite questo link.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande