Home | Economia | Ricerca e innovazione | Premio Innovazione ITAS: decretati i tre vincitori

Premio Innovazione ITAS: decretati i tre vincitori

Il premio principale a Reha Technology, il «Giovani imprenditori» a Vertical Life, «Imprenditoria femminile» e «Trova il tuo capitale» a Suor Mirjam Volgger

image

>
Una buona idea non basta. Perché le innovazioni abbiano successo è importante lavorare sodo e disporre di un adeguato supporto finanziario dall’esterno.
Proprio per questo, da alcuni anni ITAS sostiene le imprese con il suo Premio Innovazione, quest’anno conferito per la prima volta in collaborazione con il TIS innovation park.
Il premio principale, del valore di 5.000 euro, è stato assegnato a Reha Technology, il «Premio speciale per giovani imprenditori» a Vertical Life, mentre nelle categorie «Imprenditoria femminile» e «Trova il tuo capitale» è stata Suor Mirjam Volgger, coordinatrice della clinica Santa Maria, a conquistare la giuria con il Nuzy Medical Soother.
I vincitori sono stati premiati ufficialmente ieri sera presso la Camera di Commercio di Bolzano.
«L’Alto Adige è un’area economica di dimensioni ridotte che deve puntare sulla qualità per farsi notare a livello internazionale. Per questo, le innovazioni sono imprescindibili», sottolinea Gerhart Gostner, vicepresidente di ITAS.
 
«Per fare in modo che esse possano prosperare è importante che ci sia un clima imprenditoriale favorevole, ovvero che le aziende dispongano di un supporto, sia in ambito pubblico sia privato. In qualità di Gruppo assicurativo radicato a livello regionale, con il Premio Innovazione vogliamo apportare un contributo concreto all’economia altoatesina e al benessere della comunità», conclude il vicepresidente.
Sono stati presentati progetti di imprese provenienti da svariati settori: dall’agricoltura all’artigianato, dal turismo all’industria.
Alla fine si sono imposte due aziende del settore medico e assistenziale e un’azienda proveniente dal settore delle tecnologie alpine.
Il riconoscimento principale del Premio Innovazione ITAS è stato conferito a Reha Technology di Bolzano.
L’azienda, fondata nel 2007, ha sviluppato un prodotto altamente tecnologico chiamato G-EO 2, i cui costi di produzione vengono ridotti grazie all’impiego intelligente dei materiali.
 
Il prodotto è molto utile per i clienti ed è quindi molto prezioso per i pazienti e le strutture sanitarie (centri di riabilitazione, ospedali).
In breve: un trattamento di qualità che può essere esteso a più pazienti in minor tempo.
Il «Premio speciale per giovani imprenditori» è stato assegnato a Vertical Life di Bressanone. La giuria è stata colpita dall’idea alla base del prodotto.
«Elementi estremamente semplici vengono collegati in maniera altamente intelligente.»
Il tool d’allenamento per arrampicatori sfrutta una app per smartphone per misurare le prestazioni dell’allenamento.
 
Questo prodotto è divertente e molto utile nel tempo libero.
Si addice all’Alto Adige, ha una forte carica emozionale ed è molto giovane. L’azienda è attiva sul mercato dal 2012.
Il premio speciale ITAS per la categoria «Imprenditoria femminile» è stato conferito a Suor Mirjam Volgger, coordinatrice della clinica Santa Maria di Bolzano, per il Nuzy Medical Soother, un succhietto per l’alimentazione di pazienti gravemente malati.
Dal punto di vista economico, si tratta di un prodotto estremamente versatile sul mercato, che può essere commercializzato quindi anche a livello globale.
I giurati sono stati colpiti dal modo in cui un’idea semplice sia nata grazie all’utilizzo coerente di competenze diverse.
 
I know-how del settore infermieristico, produttivo e del design sono stati uniti per la realizzazione di un prodotto medico di grande utilità e con un alto potenziale di internazionalizzazione.
Entrambi i premi speciali hanno un valore di 2.500 euro ciascuno.
Tutti i premi consistono in una polizza vita ITAS Risparmio.
Suor Mirjam Volgger si è imposta con il suo prodotto anche nella nuova categoria «Trova il tuo capitale», rivolta alle start up che vogliono far valutare e analizzare la loro idea imprenditoriale da un gruppo di investitori, i «business angels».
Oltre alla prospettiva di un possibile sostegno finanziario, Mirjam Volgger può attingere anche alla expertise del gruppo di investitori nell’ambito del management e della gestione aziendale.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande