Home | Economia | Ricerca e innovazione | Trentino Design 3.0: la giuria ha scelto i progetti vincitori

Trentino Design 3.0: la giuria ha scelto i progetti vincitori

Ora parte il bando riservato alle aziende che potranno scegliere di realizzare uno o più oggetti proposti dai designer – Adesioni entro il 22 gennaio

image

 
Trentino Design 3.0, l’innovativo concorso studiato con diversi attori della distribuzione di arredi per la casa con l’intento di creare una filiera di produzione a «KM 0», ha scelto i suoi vincitori.
Un lavoro tutt’altro che facile quello della Giuria presieduta da Francesco Trabucco, tra i più noti designer italiani, che ha esaminato 220 candidature provenienti da 23 paesi di tutto il mondo, dall'Australia al Brasile, passando per Cile, Stati Uniti, Inghilterra e Taiwan.
Alla fine nella categoria «Stendi-Stira» vince il progetto di Andrea Balzano e Gianluca Carraro, mentre Eleonora Musca si impone nella categoria «Minidesk».
Entrambi i progetti si aggiudicano un premio di 5 mila euro ed un contratto per i diritti d'autore associato alla futura vendita degli oggetti.
 

 
Nella categoria «Open Kit» non è stato nominato un vincitore, ma la Giuria ha deciso di assegnare due premi ad ex-aequo del valore di 2.500 euro alle proposte di due designer trentini Eugenio di Gennaro ed Alessio Zanol e al progetto di Juan David Menendez e Alberto Pancotti.
Ora toccherà alle aziende trentine trasformare i progetti vincitori in un prodotto di successo per il mercato, affiancate dai designer dal Politecnico di Milano, dall’Università di Trento e da Trentino Sviluppo.
E’ stato infatti già lanciato un bando, con termine il prossimo 22 gennaio, per raccogliere le candidature delle aziende interessate alla realizzazione di uno o più oggetti.
Si conclude così la prima fase di Trentino Design 3.0, l’innovativo concorso di design studiato in collaborazione con diversi attori trentini, attivi nella distribuzione di arredi e complementi per la casa, con l’intento di creare una filiera di produzione «KM0» Design Driven a supporto delle capacità produttive locali, costruendo una relazione stabile tra design, distribuzione e imprese trentine.
 
Tre erano i temi progettuali, concordati con i canali distributivi: un sistema per la gestione degli indumenti in casa del tipo «stendi-stira», un mini desk mobile da utilizzare come supporto per laptop, palmari o anche per consumare del cibo a letto e sul divano ed infine un sistema di arredi componibili «open kit» che possano assolvere a varie funzioni, dal comodino, alla mensola, dal mobiletto alla credenza.
Per la categoria «Stendi-Stira» vince il progetto di Andrea Balzano e Gianluca Carraro, entrambi laureati del Politecnico di Milano in Industrial Design, che prevede l'inserimento di un'asse da stiro all'interno di uno specchio free standing dotato di un ripiano per piccoli oggetti e di uno spazio per appendere i propri abiti.
Per la categoria «Minidesk» vince il progetto di Eleonora Musca, che ha convinto la giuria per la purezza formale e la semplicità nell'interpretazione del tema.
Eleonora Musca è una product designer laureata all'ISIA di Faenza ed ha svolto una significativa esperienza in Finlandia alla Kuopio Design Academy.
 

 
I due progetti si aggiudicano un premio di 5 mila euro oltre ad un contratto per i diritti d'autore.
Per quanto riguarda la categoria «Open Kit» non è stato definito un vincitore, ma la giuria ha deciso di assegnare due premi ad ex-aequo del valore di 2.500 euro a progetto per le proposte di Eugenio di Gennaro in coppia con Alessio Zanol, entrambi i designer sono nati a Trento, e di Juan David Menendez e Alberto Pancotti, il primo laureato all’Università Nazionale della Colombia ed un master alla Domus Accademy, il secondo laureato in architettura presso il Politecnico di Milano.
Ora toccherà alle aziende trentine prendere in mano i progetti vincitori e trasformarli in un prodotto di successo per il mercato, affiancate dai designer dal Politecnico di Milano, dell’Università di Trento e da Trentino Sviluppo.
E’ già stato lanciato un bando, che si chiuderà il 22 gennaio 2016, per la raccolta delle candidature delle aziende interessate alla realizzazione di uno o più progetti vincitori.
 
Il 29 gennaio 2016 Trentino Sviluppo organizzerà un incontro tra designer ed aziende che avranno mostrato la manifestazione d’interesse, durante il quale saranno presentate le caratteristiche tecniche e funzionali dei prodotti, nonché prezzo di vendita al canale distributivo, la quantità richiesta ed i tempi di consegna.
Seguirà una fase di valutazione delle candidature per selezionare le aziende più adatte, le quali diventeranno titolari dello sfruttamento commerciale derivante dalla vendita del prodotto e saranno tenute a condurre la fase di sviluppo con i designer selezionati, con i quali stipuleranno un contratto per i diritti d’autore.
Trentino Design 3.0 è un’iniziativa di Trentino Sviluppo promossa in collaborazione con il Dipartimento di Design del Politecnico di Milano e il Dipartimento di Economia e Management dell’Università di Trento.
Il concorso ha anche il patrocinio dell’Associazione nazionale per il Disegno Industriale, del POLI.design, di DesignHUB, del Coordinamento nazionale dei Giovani Architetti Italiani.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande