Home | Economia | Ricerca e innovazione | Energy, giovane impresa green trentina conquista San Francisco

Energy, giovane impresa green trentina conquista San Francisco

Niente computer, facebook o digital-tech: la compagnia promuove l’energy of things, l’energia delle cose

Una giovane impresa trentina è sbarcata a Berkeley, San Francisco, California. Ma niente hi-tech e computer.
Niente siti per ordinare pizza dal cellulare o conoscere sconosciuti tramite algoritmi innovativi.
Energy, questo il nome della compagnia Italiana, con sede a Rovereto presso Progetto Manifattura, hub della green economy, sbarca nel cuore del mondo IT con un progetto rivoluzionario, l’energy of things, per cambiare il mondo dell’energia.
«L’energia delle cose» (Energy of Things), è un nuovo modo di concepire i sistemi energetici a livello domestico, di quartiere e industriale, in modo che qualsiasi tecnologia si parli e si scambi informazioni su come ottimizzare i consumi, i risparmi, gli accumuli e la produzione energetica.
 
«E’ un modello integrato dove il pannello parla con la batteria, che parla con il frigo e con il sistema di gestione domotica», spiega Davide Tinazzi, CEO di ENERGY e EOT Solutions.
«Tutti i grandi elettrodomestici e componenti di co-generazione comunicano tra di loro per massimizzare il risparmio energetico e ottimizzare comfort, funzionalità domotica e lunga durata dei materiali.»
In questo modo, come il flusso di informazione dell’internet delle cose permette una gestione digitale e remota, così il sistema si potrà regolare usando ogni elemento di arrendamento o di consumo, dall’auto all’inverter, dalle batterie domestiche ai pannelli fotovoltaici ed essere controllato da remoto.
«Pensare semplicemente all’accumulo senza comprendere come far dialogare in maniera integrata è come fare un passo zoppo. Si avanza certo, ma di poco. Noi crediamo che l’energy of things costituisce un vero, grande, balzo in avanti», continua Davide Tinazzi.
 
Non a caso la società sussidiaria californiana si chiamerà proprio EOT Solutions, dove EOT è l’acronimo di Energy of Things.
«Come facciamo in Italia e altri mercati dove siamo attivi con ENERGY, in USA la compagnia EOT adatterà le soluzioni di Energy al mercato americano, portandoli ad un livello di sviluppo ancora superiore. E’ già operativo in California personale italiano e statunitense di straordinario livello.»
Perché in California, nel cuore tecnologico d’America?
«Qua i prodotti di qualità avanzata vanno forte e il Made in Italy ha un rispetto e un apprezzamento di cui spesso ci dimentichiamo. Basta saperlo adattare in una chiave local dove il know how comprende i sistemi americani e si adatta agilmente, siano essi standard, formati o tecnologie adottate, sperso diverse da quelle in voga da questa parte dell’Atlantico. Inoltre, normalmente il cliente è molto più aperto alle soluzioni innovative proposte da una start-up, mentre in Italia si percepisce un po’ più di cautela, nonostante i prodotti abbiano tutte le certificazioni che ne dimostrano il valore», conclude Tinazzi.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande