Home | Economia | Ricerca e innovazione | Ospitato dal Mart il CdA della Fondazione Bruno Kessler

Ospitato dal Mart il CdA della Fondazione Bruno Kessler

«L’accoglienza che ci ha riservato il Mart ha un grande valore perché agevola lo scambio di saperi diversi per lavorare verso un percorso comune»

Un ponte ideale tra ricerca scientifica e cultura in Trentino ha portato il Consiglio di amministrazione della Fondazione Bruno Kessler nella sede del Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Rovereto.
Nei suoi lavori, tra i numerosi temi all’ordine del giorno, il CdA ha discusso tre importanti argomenti che riguardano elementi centrali della strategia e operatività futura: la programmazione pluriennale del personale, il programma di Dottorato di FBK e la politica di innovazione di FBK per la creazione d’impresa.
«Il CdA di FBK – commenta il presidente FBK Francesco Profumo – con grande responsabilità, procede nella razionalizzazione delle attività della Fondazione ed ha individuato le tre priorità su cui investire nel prossimo triennio: l'assunzione di ricercatori di standing internazionale nei settori di punta della nostra ricerca, i giovani in formazione con un importante investimento sul dottorato industriale e la creazione di nuova impresa partendo dai risultati della ricerca dei nostri ricercatori. Gli obiettivi del 2016 e degli anni a venire sono una Fondazione più competitiva in Europa e attore più importante per la crescita del Trentino.»
 
Il presidente Profumo e il CdA hanno ringraziato il direttore Gianfranco Maraniello e la presidente del Mart Ilaria Vescovi per l’ospitalità. 
«Per realizzare questo disegno – sottolinea Profumo – è necessario spingere sui talenti, sulla creatività e su un ecosistema trentino sempre più coeso e rivolto all’innovazione. L’accoglienza che ci ha riservato il Mart ha un grande valore perché agevola lo scambio e la contaminazione di saperi diversi per lavorare verso un percorso comune.»
Ilaria Vescovi, promotrice della visita, ha espresso, a nome dell’istituzione museale, ampia soddisfazione: «È per noi fondamentale essere parte attiva di quella collettività istituzionale di eccellenze internazionali che hanno sede sul nostro territorio. Aver ospitato il CdA della Fondazione Bruno Kessler significa aprire le nostre porte allo scambio, al confronto e alla collaborazione tra enti e professionisti. Tanto la Fondazione, quanto il Mart, in particolare con i suoi archivi storici, operano nel campo della ricerca, della formazione e della diffusione dei saperi. Nel sistema economico della conoscenza, sinergie come queste sono preziose e indispensabili.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande