Home | Economia | Ricerca e innovazione | I talenti della ricerca trentina sempre più vicini al mercato

I talenti della ricerca trentina sempre più vicini al mercato

Dottorandi universitari e di FBK riuniti con HIT per discutere come sviluppare progetti imprenditoriali dalle tecnologie studiate nei laboratori

image

>
Si è tenuta ieri la seconda edizione di «Researchers POWER - From Research to crazy market ideas», un evento realizzato da HIT-Hub Innovazione Trentino per sensibilizzare i giovani dottori di ricerca trentini sulle possibilità di carriera che potrebbero svilupparsi, provando a costruire una nuova azienda high-tech dalle ricerche e dalle tecnologie studiate nei laboratori dove quotidianamente operano.
L’iniziativa rientra all’interno della mission di HIT di valorizzazione e commercializzare le tecnologie della ricerca trentina in un’ottica di mercato.
L’esperienza degli ultimi anni in Trentino mostra come le nuove imprese tecnologiche più promettenti e con maggiore successo sul mercato nascano proprio dalle idee promosse dai dottori di ricerca: un target di ricercatori ancora giovane anagraficamente, ma già estremamente competente nella propria nicchia tecnologica e con una più significativa propensione al mettersi in gioco creando una startup.
 
Scopo dell’evento, che rientra in una logica continuativa di analisi e ricerca dei migliori talenti della ricerca trentina, è quello di far emergere in modo netto le potenzialità di mercato delle tecnologie sviluppate dai giovani ricercatori, riflettendo su come le ultime scoperte – ad esempio nel campo dell’intelligenza artificiale, della biologia o della fisica quantistica – potrebbero essere un importante passo avanti per risolvere problemi tecnologici che il mercato e le aziende del settore ancora non hanno ancora messo in produzione.
A conferma del metodo, è stata portata la testimonianza Mattia Bolzan, già dottore di ricerca presso il CIBIO dell’Università di Trento e fondatore di Prebiomics, la startup sostenuta dal programma Bootstrap di HIT specializzata in innovative analisi sul microbioma del cavo orale che si basano su nuove tecniche metagenomiche incrociate con tecniche di machine learning, per offrire ai professionisti del settore odontoiatrico e ad aziende, un servizio altamente innovativo e predittore delle malattie orali.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande