Home | Esteri | Il discorso di Donald Trump visto con l’«Intelligenza Artificiale»

Il discorso di Donald Trump visto con l’«Intelligenza Artificiale»

Analizzato il discorso di insediamento di Trump per identificare concetti, stile ed emozioni, e rilevare le principali differenze con i discorsi di Bush e Obama

image

>
Da un punto di vista linguistico, come si caratterizza il discorso che Trump ha tenuto ieri insediandosi alla Casa Bianca? E quali sono le principali differenze rispetto ai discorsi pronunciati da Bush e da Obama?
Ponendosi queste due domande, Expert System ha analizzato con la tecnologia cognitiva Cogito il discorso di Trump (Washington, 20 gennaio 2017) e lo ha confrontato con quello dei due predecessori all’inizio del loro primo mandato, George W. Bush nel 2001 e Barack Obama nel 2009.
Trump ha pronunciato un discorso più breve rispetto a quelli dei predecessori, ha inoltre usato frasi più corte.
Per quanto riguarda altri aspetti relativi allo stile linguistico, tutti e tre i discorsi prediligono l’utilizzo di parole brevi, un vocabolario comune, con peso maggiore per i sostantivi.
I testi di Trump e Bush risultano più facilmente comprensibili rispetto a quello di Obama (per Trump e Bush indice di leggibilità di media difficoltà, per Obama la difficoltà risulta essere maggiore).
Una caratteristica più evidente in Trump è invece l’utilizzo di molti più aggettivi che i predecessori.
 
 America e American al centro del discorso di Trump 
Attraverso l’analisi di Expert System sono stati messi in luce i concetti principali. Dal discorso di Trump emergono riferimenti costanti ad American e America (presenti anche nello slogan ripetuto più volte alla fine del discorso), mentre Bush insiste di più su country e story e Obama su work e generation.
Trump, come entrambi i predecessori, dà molta importanza all’aggettivo possessivo nostro (our) e al sostantivo nazione (nation), che trasmettono un forte senso unitario e, come Obama, si rivolge principalmente alle persone (people) mentre Bush ai cittadini (citizen).
Il tema dell’ecologia, molto presente nel discorso di Obama (planet, earth) esce di scena con Trump dove prevalgono gli aspetti legati alla protezione (protect) e al sogno (dream) mentre per Bush risulta centrale la giustizia (justice, law).
 
 I concetti principali del discorso di Donald Trump del 20 gennaio 2017 
Successo da Trump, coraggio da Bush e speranza da Obama.
Gli algoritmi di intelligenza artificiale di Expert System consentono di identificare anche le emozioni principali che possono essere trasmesse da un testo.
Nelle parole di Trump, è racchiuso un mix di emozioni positive come successo e impegno (commitment) ma anche qualche riferimento alla paura, forse per fare emergere l’attenzione verso la protezione dei cittadini.
Dal messaggio di Bush emergono invece coraggio, oltre a speranza, compassione e comprensione, mentre il discorso di Obama esprime una maggiore varietà di emozioni differenti e contrastanti: innanzitutto speranza, seguita da azione, paura, disprezzo, coraggio, successo, impegno, ansia e fiducia.

Il report completo sull’analisi svolta da Expert System è disponibile a questo link.
Expert System, quotata sul mercato AIM Italia di Borsa Italiana, è leader nel settore del Cognitive Computing e Text Analytics.
Attraverso la tecnologia proprietaria Cogito, basata sull’analisi semantica, Expert System innova il modo con cui le aziende elaborano le informazioni, offrendo il proprio tool di intelligenza artificiale per comprendere il significato di grandi quantità di documenti, e ricavare conoscenza strategica dai big data per accrescere il proprio vantaggio competitivo e migliorare i processi decisionali.
Fra i principali clienti del Gruppo, che ha sedi in Italia, Francia, Spagna, Germania, UK, USA e Canada: Shell, Chevron, Gruppo Eni, Telecom Italia, Intesa Sanpaolo, Il Sole 24 ORE, Ely Lilly, BAnQ, Biogen, Bloomberg BNA, Elsevier, Gannett, IMF, RSNA, Sanofi, SOQUIJ, The McGraw-Hill Companies, Thomson Reuters, Wiley, Wolters Kluwer, Networked Insights, Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti e Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti.
Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni