Home | Esteri | Siria: colloqui tecnicamente inutili, ma politicamente importanti

Siria: colloqui tecnicamente inutili, ma politicamente importanti

Si afferma la centralità della Russia di fronte all’impreparazione Europea e all’indifferenza americana

Nelle giornate del 23 e 24 gennaio si è svolto ad Astana, in Kazakistan, un nuovo round di colloqui sulla crisi siriana.
I negoziati, promossi da Russia, Iran e Turchia, hanno visto la partecipazione di rappresentanti sia del Governo di Bashar al-Assad sia di circa quindici gruppi di opposizione.
Nonostante inizialmente fossero previsti dei colloqui diretti tra le parti, le riunioni sono state caratterizzate da un clima di reciproche accuse tra i contendenti che non ha permesso di raggiungere alcun risultato tangibile sul piano della mediazione diplomatica.
Nella dichiarazione finale, infatti, è contenuto esclusivamente l’impegno da parte dei rappresentanti dei tre Paesi promotori di stabilire un meccanismo per assicurare l’applicazione del cessate il fuoco raggiunto nel Paese lo scorso 29 dicembre 2016.
 
Se sul piano negoziale non sono stati compiuti significativi passi avanti, sul piano politico i colloqui in Kazakistan hanno di fatto riaffermato la centralità della Russia, dell’Iran e della Turchia nello sviluppo delle future dinamiche siriane.
In particolare, l’esito degli incontri di Astana appare essere particolarmente favorevole al Cremlino che, attraverso i colloqui, ha definitivamente consolidato sul piano politico-diplomatico i risultati militari ottenuti delle forze lealiste e, grazie al mantenimento del regime di «cessate il fuoco», potrebbe maggiormente concentrare la propria azione militare nella provincia orientale del Paese contro le milizie di al-Baghdadi.
Al contrario, in questa fase gli Stati Uniti ed i Paesi europei appaiono piuttosto al margine delle trattative.
Se Trump per il momento si è limitato a chiudere le porte anche ai siriani, l’Unione Europea continua a pagare l’assenza di una politica comunitaria in relazione al conflitto siriano, nonostante le ripercussioni che quest’ultimo continua ad avere sul Continente. 

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni