Home | Esteri | Gli USA bombardano la base siriana dei gas nervini

Gli USA bombardano la base siriana dei gas nervini

Trump ha ordinato il lancio di 59 missili Tomahawk da due navi americane: 5 morti e 7 feriti – La condanna di Putin, l’approvazione degli alleati – Il filmato youtube

image

Immagini da Youtube.
 
Questa notte alle 2.30 (ora italiana), è scattata la prima azione di guerra voluta dal presidente USA Donald Trump.
Due navi americane hanno lanciato, su ordine di Trump, 59 missili Tomahawk per bombardare la basa di Al Sharyat, dalla quale – secondo le informazioni USA – era partito l’attacco con gas nervini che aveva provocato la morte di una cinquantina di persone civili, tra uomini, donne e bambini.
Secondo la nota stampa ufficiale americana, le vittime sono cinque e i ferirti sette. Secondo la nota Siriana i morti sarebbero 6.
In entrambi i casi, i danni materiali sono ingenti.
L’attacco è stato ordinato da Trump in quanto poteva farlo, trattandosi di «pericolo immediato per gli Stati Uniti d’America», condizione che consente al presidente di agire immediatamente senza consultarsi con il Parlamento.
Il Pentagono aveva sottoposto al Presidente due opzioni militari e Trump ha scelto quella meno devastante.
 
Inutile dire che tutto il mondo ha commentato l’azione di forza americana.
Putin ha dichiarato che si tratta di un vero e proprio attacco a uno stato sovrano, ma che «non accadrà nulla di irreversibile». Mosca era stata avvertita dagli USA un paio d’ore prima dell'attacco.
La Turchia ha subito commentato che «era ora che gli USA facessero qualcosa». Stessa posizione dell'Arabia Saudita.
Il Governo Italiano ha dichiarato il proprio sostegno all’iniziativa, che il ministro Alfano ha definito «proporzionata».
In Francia la Le Pen ha espresso la propria meraviglia, in quanto «Trump aveva dichiarato in campagna elettorale che gli USA non avrebbero più fatto i gendarmi del mondo».
La Mogherini, Commissario europeo agli Esteri e alla Difesa, si è limitata a dire che gli USA l’avevano informata per tempo.
Il presidente cinese Xi Jinping, che si trovava a cena con Trump in Florida proprio mentre l'attacco Usa veniva condotto in Siria, ha fatto avere una nota ufficiale dal proprio ministro degli Esteri in cui ha chiesto che non avvengano «ulteriori deterioramenti della situazione». Certamente l'attacco è un messaggio per la Corea del Nord.
L’ONU, come sempre, non ha fatto nulla. Anzi, è stata proprio l’inerzia delle Nazioni Unite a spingere Trump all’attacco.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni