Home | Esteri | Afghanistan | Trento saluta il colonnello Scaratti che lascia il 2° Reggimento

Trento saluta il colonnello Scaratti che lascia il 2° Reggimento

Oggi la toccante cerimonia di addio. L'orgoglio del presidente Dellai La commozione del sindaco Andreatta, l'assenza di Lia Beltrami

image

Quando due anni fa venne a Trento per comandare il 2° Reggimento genio guastatori alpini, il colonnello Pierluigi Scaratti si era insediato con una cerimonia riservata, quasi tra amici ristretti. Un semplice cambio della guardia.
Oggi invece ha lasciato il comando alla presenza delle massime autorità civili che, commosse, hanno voluto salutare in lui un amico.
Grazie a lui, in due anni Trento è si è accorta che esistono i 500 ragazzi alpini che lavorano nella caserma Cesare Battisti. E ne è diventata amica.
E questo è il più grande successo che il colonnello Scaratti ha raggiunto nella sua brillante carriera.
Le sue undici missioni di pace all'estero, sempre concluse col massimo dei voti, sono poco se paragonate con il lavoro che ha fatto qui.



«Questo è il momento del ringraziamento. - Ha esordito il colonnello nel suo discorso di addio, rivolto ai suoi ragazzi. - Ma non siete voi che omaggiate me, sono io che ringrazio voi. Credetemi. Non dimenticherò mai che, senza che nessuno ve lo avesse chiesto, ad Haiti avete rinunciato alle vostre razioni per dar da mangiare ai terremotati che morivano di fame. Questo significa che non siete solo dei soldati, ma degli uomini con un cuore. Siete degli Alpini

«Tornati da Haiti - ha proseguito, rivolgendosi ora alle autorità, - c'è stata l'opportunità di festeggiare il 150esimo compleanno del Reggimento. Constatato che le risorse economiche non avrebbero mai permesso di onorare la nostra bandiera in maniera adeguata, ho deciso di rompere gli schemi e ho parlato con gli interlocutori ufficiali di questa comunità.
«Ho scoperto un mondo che per anni era stato sottovalutato da noi militari. Un mondo solidale, un mondo intelligente, un mondo dove il servire la comunità fa parte naturale della vita. Lasciatemi ringraziare il Presidente della Provincia autonoma di Trento, Lorenzo Dellai, che senza che gli chiedessi niente si è fatto carico di pubblicare quel volume che ripercorre i nostri 150 anni di vita.»

«E come non ricordare il sindaco di Trento - ha detto poi, - che ha voluto insignire il mio reggimento con la più alta riconoscenza che poteva dare, il San Vigilio d'oro. L'ha fatto in forma pubblica, solenne, e questo ha fatto onore a tutti noi, considerati ora a tutti gli effetti cittadini di questa splendida città.»



«Poi siamo partiti per l'Afghanistan. - Ha continuato Scaratti. - Dovevamo sostituire un reparto che, pur avendo meno effettivi di noi, aveva lasciato sul campo cinque caduti e un grande numero di feriti. È stata una missione dura la nostra, difficile. E qui, ancora una volta, la generosità della Provincia autonoma di Trento ci ha permesso di portare fatti concreti nel cammino verso la pace. Una scuola femminile ricostruita e un acquedotto costruito per servire 8.000 persone…sono cose che la gente afghana ha riconosciuto e apprezzato sia ufficialmente che ufficiosamente. Grazie a tutto ciò è stato più facile lavorare, perché avevamo l'appoggio della gente locale. È stato gratificante fare felici delle persone che a volte non capiscono che cosa significhi quella democrazia nel nome della siamo lì.»

«E ancora, come non citare quella videoconferenza del Natale 2010 - ha ricordato, - quando i nostri ragazzi hanno salutato da Herat le proprie famiglie che stavano qua. Anche allora le autorità di questa splendida comunità sono venute qui insieme ai nostri familiari, considerandoci di famiglia anche loro. Ci hanno fatto capire di non essere dimenticati. E chi è stato in Afghanistan, credetemi, sa cosa vuol dire sentire di avere il Paese dietro di sé. Sapere che la gente comprende i sacrifici che fai. Sapere che sanno che stai lavorando anche per loro. Sapere che ti vogliono bene.»

«Lascio il Reggimento al colonnello Fanigliulo - ha concluso Scaratti, rivolgendosi al suo successore - sapendo che i nostri ragazzi sono ben addestrati, pieni di esperienza e certamente dotati di quella grande umanità che li ha ben inseriti in questa splendida comunità.»

Il generale comandante della Julia, Giovanni Manione, ha pronunciato il suo intervento facendo notrare come «in una giornata meteorolicamente così bella, l'unica ombra che si profila sia la tristezza di un addio a un ufficiale che ha dimostrato di sapere coniugare organizzazione e strategia con i sentimenti più nobili, quelli guidati dal cuore».



I discorsi, che dovevano essere pronunciati ai reparti schierati davanti al colonnello e al generale, erano rivolto in sostanza a tutti i presenti.
Ai genieri del 2° Reggimento, affinché proseguano «sulla strada dell'onore, dell'orgoglio e del cuore». E alle autorità locali che per la prima volta erano presenti a un avvicendamento.
Gli effetti sono stati evidenti a tutti, perché è apparso chiaro come ai Trentini risulti più facile essere solidali, che ricevere ringraziamenti.

Il Presidente della Provincia autonoma di Trento, Lorenzo Dellai, ha dimostrato la propria soddisfazione con orgoglio, applaudendo insieme al Commissario del Governo, prefetto Francesco Squarcina, al questore di Trento Giorgio Iacobone, al comandante provinciale dei Carabinieri, colonnello Fausto Rossi, al comandante dei vigili urbani di Trento, Lino Giacomoni e al comandante provinciale della Guardia di Finanza, colonnello Stefano Murari.
Per il sindaco di Trento, Alessandro Andreatta, la commozione è stata troppo forte per lui. Ha pianto. E lo diciamo anche noi con commozione, orgogliosi di avere un primo cittadino che si commuove di fronte a sentimenti così semplici da meravigliarci quando ne veniamo a conoscenza.

È stata notata invece l'assenza dell'assessore provinciale Lia Beltrami. Il suo assessorato si occupa di solidarietà internazionale e tutti ci saremmo aspettati di vederla ringraziare i nostri ragazzi che hanno rischiato la vita per costruire la scuola e l'acquedotto nel Gulistan con i soldi della nostra comunità.
Sappiamo che aveva informato della sua assenza, però francamente ci sarebbe piaciuto vederla mescolata con i portatori di pace.


Il generale comandante della Julia, Giovanni Manione, e il nuovo comandante del 2° Genio guastatori alpini, colonnello Roberto Fanigliulo.

Infine, una considerazione da parte nostra.
Chi scrive queste parole ha avuto la fortuna di conoscere il colonnello Pierluigi Scaratti.
Presuntuoso com'è, il sottoscritto sogna di aver giocato un piccolo ruolo nel riavvicinamento tra il popolo degli alpini e la comunità trentina. Sognare con costa nulla.
Ma Scaratti è vero e concreto.

L'ho incontrato a Trento mentre si adoperava a preparare in due giorni un battaglione da inviare ad Haiti. L'ho visto darsi da fare per pubblicare il libro del suo reggimento. L'ho visto andare da Dellai a spiegare che i suoi soldati avrebbero portato in Afghanistan una porzione di Trentino. Ho visto Dellai accoglierlo come un soldato che partiva per il fronte.
E sono andato in Afghanistan per toccare con mano l'ambiente in cui mandiamo i nostri ragazzi.
A Herat si capisce fin dal primo momento che non si tratta di un'esercitazione.
«Direttore, tenga la bocca aperta quando sta nel blindato. Se esplode salva i timpani
«Si fidi dei nostri ragazzi, hanno subito tutti degli attentati o delle sparatorie
«Se succede qualcosa, non faccia nulla. Sarete messi in sicurezza dai colleghi

In tutte le situazioni in cui l'ho incontrato, il colonnello Pierluigi Scaratti non ha mai mutato atteggiamento. Sempre un ingegnere laureato in scienze strategiche, sempre un uomo che deve organizzare centinaia di uomini con razionalità, responsabilità e intuito.
Quello che non conoscevamo di lui era la riconoscenza che ha avuto verso una comunità come quella trentina, che ha dato poco, ma l'ha dato con il cuore, quello stesso che ha dimostrato oggi lui di aver apprezzato.

Quando scesi dal C130 che mi aveva portato da Herat ad Abu Dabi e salii sul Boeing dell'Aeronautica Italiana che ci riportava a Roma, al sicuro, venni preso da un attimo di sconforto e mi portai in coda all'aereo a piangere da solo come un bambino. La tensione, la commozione, l'età, chissà…
Quando ha lasciato il Trentino, però, anche Pierluigi Scaratti ha avuto un attimo di debolezza. Non ve lo confermerà mai, ma era tutto solo e si è ritrovato a piangere anche lui.
Per entrambi, quando si lascia un pezzetto di cuore in un posto, andarsene è come perdere una piccola parte di sé.

Guido de Mozzi

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni