Home | Esteri | Euregio | «Per una pubblica amministrazione che guarda al futuro»

«Per una pubblica amministrazione che guarda al futuro»

Questo il concetto emerso al Master Euregio in amministrazione pubblica europea che ha visto la partecipazione 12 funzionari per ogni territorio

Per affrontare i profondi cambiamenti in atto e dare risposte ai bisogni, sempre più complessi, di cittadini e imprese, la pubblica amministrazione deve acquisire nuove competenze in ambito manageriale, in un processo continuo di formazione e di aggiornamento.
Da questa premessa nasce Il Master Euregio in amministrazione pubblica europea che ha visto la partecipazione di 36 funzionari, 12 per ogni territorio, provenienti dal Land Tirol e dalle Province autonome di Trento e di Bolzano.
Il progetto è durato due anni e si è concluso nei giorni scorsi con una cerimonia che si è tenuta presso la Cantina Laimburg di Ora.
 
Il segretario generale dell'Euregio, Marilena Defrancesco ha evidenziato come il progetto del master sia stato molto significativo, perché al di là dell'aspetto, molto importante della formazione, ha permesso di avviare un confronto fra le tre amministrazioni, creando delle sinergie positive per il futuro dell'Euregio.
«L'iniziativa è stata molto importante – ha sottolineato il direttore generale della Provincia autonoma di Trento Paolo Nicoletti – e dobbiamo ringraziare in particolare chi ha partecipato, con impegno e sacrificio, al fine di crescere e migliorare.
«Le istituzioni pubbliche – ha aggiunto Nicoletti – sono il motore dello sviluppo per qualsiasi territorio e lo sono in particolare per i nostri territori che sono legati da molte affinità e hanno bisogno di persone preparate alle sfide future, fra cui quella, attuale, del Pnrr.»
 

 
Il progetto del Master è stato realizzato dalle università dei tre territori, con la consulenza, per la Provincia autonoma di Trento, di Tsm-Trentino School of Management.
I rappresentanti delle università, presenti alla cerimonia finale, il rettore dell'Università di Trento Flavio Deflorian, il vicerettore Bernhard Fügenschuh di UIBK e il vicepresidente di UniBz, Antonio Lampis, hanno evidenziato il valore della collaborazione scientifica a livello accademico fra Trento, Bolzano ed Innsbruck.
Infine, la parola è andata a tre rappresentanti di coloro che hanno partecipato al Master, Christian Drechsler (Land Tirolo), Nicol Mastella (Provincia autonoma di Bolzano) e Roberto Pallanch (Provincia autonoma di Trento) che hanno sottolineato come il progetto abbia permesso loro di sentirsi parte di una casa comune, quella dell'Euregio.
 
Il Master Euregio in amministrazione pubblica europea ha voluto offrire maggiori competenze per la modernizzazione della pubblica amministrazione, anche in ambito manageriale e della leadership, approfondendo tematiche di diritto europeo e definendo i principi organizzativi in base ai quali operano le amministrazioni dell’Euregio nel contesto dell’Unione europea, dal punto di vista sia amministrativo-giuridico sia sociopolitico. Ha fornito, inoltre, un’eccellente base per la costruzione di una rete personale in cui colleghi, docenti e studenti hanno potuto realizzare uno scambio di conoscenze ed esperienze.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande