Home | Esteri | Europa | Visioni d’Europa: verso l'European Youth Event a Strasburgo

Visioni d’Europa: verso l'European Youth Event a Strasburgo

Sono aperte le iscrizioni al progetto che porterà 20 giovani trentini alla edizione 2020 dello European Youth Event

image

>
Quale futuro sognano i giovani per l’Europa? È questa la domanda fondamentale che anima lo European Youth Event, un grande evento organizzato ogni due anni a Strasburgo dal Parlamento europeo, in cui attraverso un ricchissimo programma di seminari, dibattiti e conferenze si possono intrecciare voci, esperienze e visioni sull’Europa provenienti da ogni angolo del continente.
Una manifestazione nata nel 2012 e che ad ogni edizione vede la partecipazione di quasi 10.000 ragazzi e ragazze.
Come già accaduto nelle precedenti edizioni, al meeting non mancherà una rappresentanza trentina, selezionata grazie al progetto «Visioni d’Europa 2020», promosso dall’ufficio Politiche giovanili del Comune di Trento e dalla Fondazione Trentina Alcide De Gasperi e rivolto a venti giovani di età compresa tra i 18 e i 23 anni residenti o domiciliati nel comune di Trento, o frequentanti un corso di studio nel comune di Trento.
 
«Visioni d’Europa» non è solo un particolare viaggio organizzato, ma un percorso di preparazione e responsabilizzazione, volto a fare dei giovani partecipanti i portavoce di un territorio, che nell’apertura europea e transfrontaliera trova uno dei tasselli fondamentali della sua identità.
Ecco perché il progetto partirà da lontano: dal paese di Pieve Tesino che nel 1881 diede i natali ad Alcide De Gasperi, uno dei padri fondatori dell’Europa.
All’ombra del Museo realizzato nella sua casa natale, i ragazzi parteciperanno ad un weekend di formazione residenziale (dal 28 febbraio all’1 marzo), in cui avranno modo di confrontarsi con le principali sfide che l’Unione si trova oggi ad affrontare, dopo aver ascoltato la testimonianza e la visione europea di quegli statisti, che sulle macerie della seconda guerra mondiale videro nell’Europa unita una promessa di pace per il continente.
 
«Parliamo, scriviamo, insistiamo, non lasciamo un istante di respiro; che l'Europa rimanga l'argomento del giorno»: le parole di Alcide De Gasperi ispireranno quindi la seconda fase del progetto, in cui i partecipanti saranno chiamati a farsi divulgatori e ad alimentare il dibattito pubblico sulle questioni di rilievo europeo, progettando e organizzando con il supporto dei formatori tre eventi culturali aperti alla cittadinanza.
Si potranno così raccogliere pensieri diversi e condividere stimoli e spunti preziosi da portare poi con sé a Strasburgo nella terza tappa del percorso.
Dal 28 al 31 maggio, infatti, avrà luogo il viaggio di formazione che porterà finalmente allo European Youth Event 2020: un’occasione unica per conoscere le tante visioni locali che compongono lo sguardo europeo.
 
Un’esperienza diretta dell’Europa da raccontare e mettere a disposizione della collettività: in primis degli studenti delle scuole medie/superiori, che al loro rientro i partecipanti incontreranno in un ciclo di interventi che segnerà il momento finale del progetto.
Per candidarsi a partecipare è necessario compilare, entro il 31 gennaio, l’apposito form online.
La quota di partecipazione all’intero percorso, comprensivo di spese di viaggio e alloggio, è di 100 euro.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni