Home | Esteri | Terrorismo internazionale | L’attentatore maldestro ha colpito a Manhattan: 4 feriti

L’attentatore maldestro ha colpito a Manhattan: 4 feriti

Si tratta di un immigrato del Bangladesh che ha provato a far brillare un ordigno in prossimità della stazione metrò di Times Square e si è fatto male

L’autore dello stupido attentato è un giovane di 27 anni originario del Bangladesh.
Ha imparato a costruire ordigni per corrispondenza, tramite una rivista online attribuita all’Isis. Ha provato anche a farne brillare alcuni e sembra con successo.
Ma quello che ha provato a far esplodere nella stazione della metropolitana di Times Square a New York non è andato come voleva: la miscela ha preso fuoco senza deflagrare. Ed è stata una fortuna, perché ci sono stati comunque tre feriti, non gravi. Ovviamente è rimasto ferito anche il maldestro attentatore.
 
Secondo quanto ha detto alla polizia, che lo ha catturato dolorante e portato in ospedale dove è piantonato, voleva vendicare il popolo palestinese che subisce i raid aerei israeliani. La decisione finale però l’ha presa quando Trump ha deciso di riconoscere Gerusalemme capitale dello Stato di Israele.
E così ha provato a realizzare un attentato a Manhattan, il posto più sorvegliato del mondo contro i fanatici islamici.
La scelta del posto, ha detto, l’ha presa perché in prossimità della stazione del metrò c’erano grandi immagini natalizie, che evidentemente turbavano il terrorista fin da quando era immigrato negli USA nel 2011.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni