Home | Festival Economia | 2010 | Verdetto: «La Pandemia influenzale fu emergenza mediatica»

Verdetto: «La Pandemia influenzale fu emergenza mediatica»

Così si è espressa la Giuria degli studenti universitari di tutta Italia all'ultimo confronto del ciclo «Vero o falso»

image

«Pandemia influenzale uguale pandemia mediatica?» era il quesito posto dall'ultimo confronto del ciclo «Vero o falso», nuovo format di questa edizione del festival, moderato nuovamente da Federico Rampini de «La Repubblica».

Introdotto da Nerina Dirindin, docente all'università di Torino e redattore de «lavoce.info», ha visto interventi di Donato Greco, direttore del Centro nazionale di epidemiologia, Vittorio De Micheli, direttore dell'assessorato alla sanità della Regione Piemonte e collaboratore dell'Istituto di ricerca epidemiologica Mario Negri di Milano, assieme alle testimonianze di Silvio Garattini, direttore del Mario Negri, Maria Rosaria Russo Valentini, avvocato.

La giuria degli studenti universitari - provenienti da tutta Italia - ha emesso anche questa volta il suo verdetto: «Vero, quella dell'inverno scorso fu emergenza mediatica, forse anche provocata dalle multinazionali del farmaco, per 18 votanti su 19».



«Sono qui in parte in veste di imputato - ha detto Federico Rampini nell'aprire i lavori - visto che i media oggi sono sotto accusa. Ma potrei dire che sono anche qui in veste di vittima, giacché il primo allarme pandemia, quello causato dalla Sars, mi costrinse a rinviare, all'epoca, il mio trasferimento dagli Usa a Pechino.
«E in Cina l'impatto dell'allarme fu particolarmente forte, con paralisi dei voli, controlli estremamente scrupolosi e così via. Oggi (lo scrive anche Il Sole 24 Ore) sta emergendo che forse l'allarme pandemia generato dal virus H1N1 è stato enormemente ingigantito dall'Organizzazione mondiale della sanità, anche a causa di rapporti poco chiari con le grandi case farmaceutiche.
«Tuttavia devo anche ricordare il principio di precauzione, che ad esempio la BP ha ignorato, con le conseguenze che sappiamo per l'incidente occorso alla piattaforma petrolifera al largo delle coste statunitensi, incidente considerato dagli esperti statisticamente improbabile.
«Qualcosa del genere vale anche per i terremoti; insomma, le autorità pubbliche a volte devono spendere per prevenire, e quando non lo fanno le critiche, a posteriori, sono feroci. Lo stesso vale per il mondo dei media.»

Dirindin ha ripercorso l'ascesa dell'allarme relativo all'influenza cosiddetta «suina», a partire dalla primavera 2009 (a oggi il livello di allerta per questa pandemia è rimasto quello dichiarato dall'Oms nel giugno dell'anno scorso, ovvero il massimo, il sesto).
«I governi cominciarono a fare scorte di vaccini per affrontare l'emergenza. I costi complessivi non sono ancora disponibili, comunque si parla di migliaia di euro, un miliardo solo in Europa.
L'allarme poi non si è rivelato giustificato? C'è chi sostiene che lo era, e che quindi le autorità si sono attrezzate di conseguenza. C'è invece chi sostiene che non era giustificato ed è stato amplificato dai media, ma anche forse da altri soggetti che avevano degli interessi nel farlo, per aumentare i propri profitti in un momento di crisi mondiale generalizzata.
«Il Consiglio d'Europa sta inoltre denunciando una generale mancanza di trasparenza nell'operato delle autorità sanitarie dei diversi paesi, relativamente ai rapporti con i fornitori dei farmaci antiretrovirali.»

Donato Greco, che è anche membro di commissioni internazionali dell'Oms e dell'Unione europea, ha iniziato la sua esposizione ricordando che «noi con l'influenza conviviamo da sempre, essa è causa di morte per una fetta di popolazione che va dalle 3 alle 8.000 persone all'anno, soprattutto anziani o pazienti già debilitati.
«È la prima infezione del nostro paese dopo il raffreddore ed è anche molto costosa per le nostre finanze. Cosa è successo questa volta? Un virus 'mutante' si è combinato con 4 geni umani, 2 geni aviari e 2 geni di maiale, e ha dato vita a qualcosa di nuovo, sconosciuto ai 78 laboratori sparsi per il mondo a fare ricerche in questo campo.
«C'è stata una prima epidemia in Messico - nella città dove c'è il più grande allevamento di maiali del mondo - e poi il virus si è diffuso molto rapidamente, e fuori stagione. Il Ministero italiano, con il suo gruppo di lavoro che monitorizza le pandemie (memore della catastrofe della Spagnola del 1918) ha cominciato a muoversi.
«Nel giugno è scesa in campo l'Oms, agenzia delle Nazioni unite, che ha assegnato alla nuova pandemia il sesto livello, il massimo, sulla base di 169 criteri presi in esame. Non mi risulta che questi criteri siano stati modificati per l'occasione.
«In quanto alla vaccinazione, la sua efficacia in questi casi è assolutamente provata, lo vediamo ogni anno, ad ogni uscita di un nuovo vaccino. Non si tratta peraltro di un grande business; la spesa per vaccini non è un grande affare mondiale, rispetto ad esempio al business delle vitamine. I limiti del piano italiano sono stati semmai il mancato coinvolgimento dei medici e un cattivo rapporto stato-regioni.
«Ci sono state pressioni da parte delle case farmaceutiche? Sì, ma ritengo che gli acquisti di vaccini, data la circostanza, fossero inevitabili. I mass media hanno anche amplificato la portata dell'emergenza. Semmai forse si sarebbe potuto procedere con maggiore flessibilità. Ma quando le campagne di vaccinazioni falliscono, le conseguenze sono tragiche.»

Vittorio De Micheli ha ricordato invece l'inchiesta condotta dal Consiglio d'Europa (e di alcuni media) da cui risulterebbero scarsa trasparenza nell'operato delle autorità sanitarie nei loro rapporti con le case farmaceutiche, con conseguente conflitto di interessi.
«Solitamente identifichiamo l'influenza con la presenza di virus - ha spiegato - che in realtà il più delle volte nel paziente non viene cercato. Quando lo si fa, normalmente emerge che una determinata sindrome influenzale che si diffonde in un Paese può essere dovuta a molti fattori, e che il virus a cui essa è imputata non ne è responsabile che in minima parte.
«La mortalità è bassa: circa una vittima ogni mille influenzati; 5 milioni di ammalati all'anno in Italia, circa 5.000 morti, ma sono stime grossolane.
«La mia impressione, quando è esploso l'allarme pandemia, è che stessimo monitorando fenomeni che succedevano anche gli altri anni, ma non venivano cercati.
«Da tenere presente che i fattori di equilibrio sono cambiati: l'essere umano oggi è più forte che in passato e l'ambiente è molto più pulito. Se anche oggi esplodesse una pandemia come quelle del passato, probabilmente produrrebbe meno danni.
«L'unica anomalia veramente verificatasi l'anno scorso è stata l'anticipo della diffusione dell'influenza, già a ottobre anziché attorno a Natale.
«In quanto al vaccino contro l'influenza, esso da un lato sembra essere molto poco efficace: bisogna vaccinare 100 persone per proteggerne una. Puntare tutto sulle vaccinazioni di massa è dunque una scelta discutibile. Ma avendo alimentato negli anni passati grandi aspettative sui vaccini, abbiamo di fatto conferito alle case produttrici un enorme potere. In questo caso, poi, tutto è avvenuto con un'enfasi mediatica senza precedenti.
«I costi: in totale circa 300 milioni di euro, di cui 180 dovuti all'acquisto del vaccino. In quanto all'Oms, la stessa definizione di pandemia è stata, a un certo punto, abbandonata, perché le condizioni per avere la pandemia devono essere la diffusione del virus in tutto il mondo e un alto numero di morti, che invece non si è registrato.
«Consideriamo peraltro che solo il 5% degli addetti all'ordine pubblico e alla difesa si sono vaccinati. Se ci fosse stata vera emergenza l'avrebbero fatto tutti.»

L'avvocato Russo Valentini ha illustrato le procedure adottate dagli stati per fronteggiare l'emergenza sanitaria.
«In Italia è stata adottata un'ordinanza pensata in realtà per una grave minaccia terroristica. Subito dopo è stata emanata una seconda ordinanza che fissava il quantitativo di dosi di vaccino da acquistare (24 milioni).
«Sempre con questa seconda ordinanza del presidente del Consiglio è stata individuata la società fornitrice, Novartis, che ha lavorato in esclusiva, con un contratto fortemente sbilanciato a favore dell'impresa (anche perché non vi è stato alcun confronto concorrenziale sul prezzo).
«A oggi ancora non sappiamo quante dosi in realtà siano state prodotte e in seguito non ritirate. Non solo: lo stato si è assunto tutti i rischi connessi all'acquisto al buio di un prodotto di cui non era ancora stata testata l'efficacia.
«In definitiva, con questo contratto non è stata adottata nessuna delle misure di precauzione che lo stato avrebbe potuto assumere.
«Una terza ordinanza, emanata dopo l'esaurimento dell'emergenza, e riguardante i quantitativi di vaccino, non ha risolto le cose e potrebbe essere facilmente impugnata dalla società messa sotto contratto, che ha la facoltà di ritirare il vaccino non utilizzato dall'Italia e rivenderlo a altri clienti o di lasciarlo in carico al committente.
«Il collegio arbitrale che dovrà dirimere le eventuali controversie future è composto di soggetti privati: non si vede perché lo Stato non sia ricorso ai suoi legali.»

Silvio Garattini, intervenuto in videoconferenza, ha riconosciuto che nessun paragone con la famosa Spagnola era proponibile nel caso dell'emergenza prodotta dal virus H1N1. Sono stati fatti dunque errori di valutazione molto importanti.
«Vedremo se il prossimo anno avremo di nuovo un'influenza molto precoce come l'anno scorso; in tal caso dovremo cercare di ridurre i tempi fra l'esplosione dell'infezione e l'inizio della vaccinazione. In questa circostanza abbiamo perso una buona occasione per fare della ricerca. Abbiamo anche imparato che la fiducia del pubblico non è stata molto forte, e quindi dobbiamo recuperare credibilità.»

Infine - dopo le domande degli studenti (e un suggestivo confronto fra la bolla speculativa creata dalle banche che ha provocato la crisi economica di fine 2008 e la bolla pandemica forse creata ad arte dalle case farmaceutiche) - la sentenza della giuria: «Sì, l'emergenza febbre suina è stata emergenza mediatica, per 18 votanti su 19.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni