Home | Festival Economia | 2011 | Dellai: «Il Festival dell’Economia diventerà internazionale»

Dellai: «Il Festival dell’Economia diventerà internazionale»

Il Presidente lo chiude fornendo le anticipazioni per il 2012 Domani scriveremo il nostro commento

image



Decisamente positivo il bilancio anche di questa sesta edizione del Festival dell'Economia di Trento, che si è chiuso con un bagno di folla per Zygmunt Bauman, seguito da centinaia di persone anche dai maxi schermo allestiti in piazza Duomo e piazza Fiera, nonostante un cielo minaccioso, e in fila all'auditorium fin dal primo pomeriggio.

Ed è stato proprio dal palco del Santa Chiara che il presidente Lorenzo Dellai ha fornito alcune anticipazioni per il Festival del 2012.
«Ci interessa fare reti di collaborazione, proseguire l'impegno che abbiamo preso lo scorso anno con Saviano e che abbiamo onorato il 28 maggio con l'appuntamento a Napoli. Vogliamo portare anche il prossimo anno il Festival non solo a Napoli, ma in un'altra città del Sud.
«Ma vogliamo anche cercare di portare il nostro Festival, che è già internazionale per la presenza di personaggi di rilievo mondiale, in alcune realtà non europee, in paesi emergenti.»

Tra i nomi annunciati quello del presidente Giorgio Napolitano, che quest'anno ha concesso il suo alto patrocinio, mentre sul fronte organizzativo il Festival allargherà i propri confini temporali, con appuntamenti di raccordo tra un'edizione e l'altra.
E a luglio Enrico Bondi sarà a Milano.

Per la chiusura, assieme a Zygmunt Bauman e Giuseppe Laterza, vi erano dunque il presidente Lorenzo Dellai, il direttore scientifico Tito Boeri, l'assessore del comune di Trento Lucia Maestri, il presidente dell'Università di Trento Innocenzo Cipolletta e il preside della facoltà di Economia Paolo Collini.

Il presidente Dellai, nel ringraziare pubblico e organizzatori, ha quindi confermato l'impegno preso lo scorso anno in chiusura, con Roberto Saviano.
«Vogliamo continuare in questa nostra attenzione verso i tanti cittadini del Sud Italia, soprattutto giovani che in molte regioni si impegnano per costruire delle prospettive di futuro, di ripresa civile. Abbiamo onorato l'impegno il 28 maggio con un appuntamento a Napoli che ha avuto largo seguito, per il 2012 vogliamo riproporre una data a Napoli e poi in un altra città del sud. Cercheremo poi di fare qualcosa all'estero, con anteprime anche in altri paesi, magari extraeuropei, emergenti e in difficoltà.»

Infine Tito Boeri ha annunciato che il Festival è già al lavoro per il prossimo anno e che sono già in programma iniziative di raccordo fra un'edizione e l'altra.
«Enrico Bondi ha dovuto annullare l'appuntamento previsto per la prima serata del Festival a causa dell'OPA totalitaria in corso. Visto che si concluderà in luglio, ci ha già dato la sua disponibilità a parlare della sua esperienza a Parmalat il 14 luglio alle 17 a Milano, il festival dell'Economia di Trento sarà dunque a Milano in luglio.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni