Home | Festival Economia | Fest. 2015 | A lezione di economia da Joseph Stiglitz e Anthony Atkinson

A lezione di economia da Joseph Stiglitz e Anthony Atkinson

Al Festival è andato in scena il confronto fra i due massimi economisti

image

>
«Bisogna partire dal fatto che nel mondo ci sono delle disuguaglianze e la moderna economia questo non lo riconosce.»
Joseph Stiglitz e Antony Atkinson sono concordi, finché gli studi economici non prenderanno in considerazione il problema delle disuguaglianze, queste continueranno ad esistere.
I due economisti, protagonisti nel pomeriggio di un confronto al Festival dell'Economia, nel 1980 pubblicarono il libro «Lectures on Public Economics» che a distanza di 35 anni hanno deciso di ripubblicare, riscrivendone l'introduzione.
«Molto ovviamente è cambiato da allora – hanno detto i due – ma non il punto di partenza del libro, ovvero che le disuguaglianze esistono.»
 
Rispetto al 1980 ha ricordato Atkinson, viviamo oggi in un contesto globale e questo influenza il comportamento delle aziende, dei lavoratori e anche le politiche di spesa dei governi.
«Quando si prendono delle decisioni – ha detto – dobbiamo sempre chiederci chi paga. Ad esempio, se alziamo le tasse sugli oggetti di lusso, chi paga? I ricchi che comprano gli oggetti o i lavoratori del settore a cui potrebbero venire ridotti i salari.»
«Il punto di partenza è importante – ha aggiunto Atkinson – e il libro partiva dal fatto che ci sono molte disuguaglianze e che per affrontarle occorre avere una visione multidisciplinare, questo tentava di fare il libro.»
Atkinson ha ricordato come l'economia oggi sia molto frammentata e settoriale, divisa in piccoli pezzetti. Invece, come ha sostenuto Stiglitz, dovrebbe essere considerata in modo globale e intero.
«Bisogna capire qual è la reale struttura dell'economia – ha aggiunto il premio Nobel – ed è quello che cerca di fare il libro che ha avuto il merito di reggere alle ingiurie del tempo.»
 
«I mercati finanziari sono imperfetti – ha detto ancora Stiglitz – ma per comprenderli dobbiamo cercare di creae un linguaggio comune, una sorta di unica grammatica che possa analizzare il contesto.»
«Se vogliamo ridurre le disuguaglianze – hanno concordato al termine i due economisti – non possiamo farlo solo con le politiche fiscali. Bisogna capire come funziona il mercato e come tutto questo entra nelle politiche pubbliche, non basta il ministro delle finanze o quello delle politiche sociali.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone