Home | Festival Economia | Fest. 2015 | A lezione di economia da Joseph Stiglitz e Anthony Atkinson

A lezione di economia da Joseph Stiglitz e Anthony Atkinson

Al Festival è andato in scena il confronto fra i due massimi economisti

image

>
«Bisogna partire dal fatto che nel mondo ci sono delle disuguaglianze e la moderna economia questo non lo riconosce.»
Joseph Stiglitz e Antony Atkinson sono concordi, finché gli studi economici non prenderanno in considerazione il problema delle disuguaglianze, queste continueranno ad esistere.
I due economisti, protagonisti nel pomeriggio di un confronto al Festival dell'Economia, nel 1980 pubblicarono il libro «Lectures on Public Economics» che a distanza di 35 anni hanno deciso di ripubblicare, riscrivendone l'introduzione.
«Molto ovviamente è cambiato da allora – hanno detto i due – ma non il punto di partenza del libro, ovvero che le disuguaglianze esistono.»
 
Rispetto al 1980 ha ricordato Atkinson, viviamo oggi in un contesto globale e questo influenza il comportamento delle aziende, dei lavoratori e anche le politiche di spesa dei governi.
«Quando si prendono delle decisioni – ha detto – dobbiamo sempre chiederci chi paga. Ad esempio, se alziamo le tasse sugli oggetti di lusso, chi paga? I ricchi che comprano gli oggetti o i lavoratori del settore a cui potrebbero venire ridotti i salari.»
«Il punto di partenza è importante – ha aggiunto Atkinson – e il libro partiva dal fatto che ci sono molte disuguaglianze e che per affrontarle occorre avere una visione multidisciplinare, questo tentava di fare il libro.»
Atkinson ha ricordato come l'economia oggi sia molto frammentata e settoriale, divisa in piccoli pezzetti. Invece, come ha sostenuto Stiglitz, dovrebbe essere considerata in modo globale e intero.
«Bisogna capire qual è la reale struttura dell'economia – ha aggiunto il premio Nobel – ed è quello che cerca di fare il libro che ha avuto il merito di reggere alle ingiurie del tempo.»
 
«I mercati finanziari sono imperfetti – ha detto ancora Stiglitz – ma per comprenderli dobbiamo cercare di creae un linguaggio comune, una sorta di unica grammatica che possa analizzare il contesto.»
«Se vogliamo ridurre le disuguaglianze – hanno concordato al termine i due economisti – non possiamo farlo solo con le politiche fiscali. Bisogna capire come funziona il mercato e come tutto questo entra nelle politiche pubbliche, non basta il ministro delle finanze o quello delle politiche sociali.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni