Home | Festival Economia | Fest. 2015 | Etienne Wasmer: «La tassazione del capitale? Un’utopia»

Etienne Wasmer: «La tassazione del capitale? Un’utopia»

Tra i più autorevoli critici della «Teoria di Piketty», è docente a Sciences Po di Parigi

Il bestseller economico di Thomas Piketty?
«È inficiato nelle sue conclusioni dal modo in cui le proprietà immobiliari, cioè le case, vengono conteggiate nel calcolo del patrimonio.»
L’economista francese Étienne Wasmer, docente a Sciences Po di Parigi e condirettore di «Labour Economics», non concorda con l’autore de «Il capitale nel XXI secolo» e con la sua teoria di una divergente disparità di ricchezza evidenziatasi in Europa negli ultimi 25 anni.
«La tassazione del capitale è un’utopia, non ha futuro. Dobbiamo piuttosto concentrarci sui redditi», conclude Wasmer, introdotto al Festival dell’Economia di Trento, presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Trento, dal giornalista Stefano Feltri, responsabile economia de «Il Fatto Quotidiano».
 
«Siamo stati i primi a riflettere in modo approfondito su libro di Piketty e sulla quota di capitale rappresentata dagli alloggi. I prezzi delle case sono triplicati, in Francia, dagli anni Novanta ad oggi, ma non per questo è cresciuto il divario tra ricchi e poveri», – afferma Étienne Wasmer.
Per l’economista francese intervenuto questo pomeriggio al Festival dell’Economia di Trento, infatti, l’unico modo corretto per quantificare la ricchezza delle unità immobiliari è calcolare quanto esse rendono, non quanto valgono.
È la rendita, non il loro valore di mercato, che determina l’andamento dinamico della differenza di ricchezza.
Un dibattito di nicchia per pochi economisti? Tutt’altro. Misurare il capitale al prezzo di mercato, alla Piketty per intenderci, o farlo al prezzo del mercato degli affitti, considerando cioè il costo dell’affitto come unico fattore che entra a far parte della ricchezza di una persona, determina differenze sostanziali nei sistemi di tassazione.
 
La casa va tassata? Tutti lo fanno. Ma se il suo valore cresce in modo esponenziale in pochi anni, come è stato per la gran parte dei paesi europei, ad eccezione della Germania, devono aumentare parimenti anche le tasse su quell’immobile?
«Vanno tassate le successioni, cioè il momento in cui il patrimonio passa di mano agli eredi, non il patrimonio in quanto tale» suggerisce Wasmer che in conclusione del suo intervento si spinge anche oltre: «La tassazione del capitale è un’utopia, non ha futuro. Dobbiamo piuttosto concentrarci sui redditi per incidere sulla forbice di ricchezza dentro le nostre società».

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone