Home | Foto | Fotografie | Torna la moda del vintage con le Polaroid

Torna la moda del vintage con le Polaroid

Qando quelle foto col bordo bianco rappresentavano i migliori momenti dell’infanzia, ricordati con tanto affetto e nostalgia

Ricordate le Polaroid foto attaccate al frigorifero? Quelle che racchiudevano momenti felici, stampate subito e da tenere in mano. Sembrava quasi che solo così quei ricordi potessero diventare indelebili.
Quelle specie di cartoline col bordo bianco rappresentavano i migliori momenti dell’infanzia, ricordati con tanto affetto e nostalgia.
È anche vero che non possiamo rinnegare le macchine digitali e i cellulari con infiniti megapixel così in fretta. Hanno tanto divertito, ma forse anche già stufato.
Tuttavia, non si può negare: superano il grande limite del rullino, permettendoci infiniti scatti ad alti standard qualitativi. Si possono modificare, e inviare a tutti in un attimo, e poi archiviarle.
 
Ma sembrerebbe essere proprio questo il problema: il Cloud tiene rinchiusi i ricordi, in uno spazio astratto che non si sa dove si trovi, impedendo così di rivedere quei momenti di festa, le gite, le città visitate…
Ma chi ha voglia di cercare tra migliaia di file? E dove si trova la cartella con l’ultimo album? E allora, passi direttamente alla stampa stile Polaroid.
L’effetto è identico a quello di tanto tempo fa: l’inquadratura non si può sbagliare, lo zoom non esiste, e la foto si stampa in pochissimi secondi.
Inutile dire che questo tipo di foto hanno quel qualcosa di romantico in più.
 
Quindi, la tendenza va tutta a favore delle foto appese al muro o di quelle custodite nel portafogli, con tanto affetto. In questo, le memory-card hanno perso l’occasione: ci consentono sì di raccogliere tantissime immagini, ma non di riviverle.
Ormai, con troppa facilità, stiamo affidando il controllo totale dei nostri ricordi alla tecnologia. Le immagini sul telefonino appaiono snaturate, e noi non riusciamo a percepire quelle sensazioni nostalgiche e di ricordo vero.

Insieme al fortissimo gusto vintage, la foto istantanea si può considerare come un grande regalo, un sentito dono da consegnare proprio nel momento in cui l’evento sta accadendo.
Attenzione, però, a non perderla, metterci le dita sopra o a rovesciarci un po’ di caffè!

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande