Home | Foto | Prove di Donna | Prove di Donna/ 5 – Giuseppina Tomasi

Prove di Donna/ 5 – Giuseppina Tomasi

«Toglietemi tutto, ma non toccatemi il cappello!»

image

La chiamano la «Signora delle feste», la «Signora della Bicicletta», la «Signora delle favole», la «Signora dell'amore», la «Signora dell'amicizia», la «Signora del Cappello». Certo è la donna trentina che più si è data da fare per organizzare feste, favorire amicizie, coronare sogni d'amore, portare ovunque felicità. In altre parole essere la Donna con la D maiuscola, la femmina per antonomasia, la moglie per definizione, l'innamorata per vocazione, l'elegante per diritto di natura. In due parole, Giuseppina Tomasi.
La conosco da anni e posso assicurare che è tutte queste donne mese insieme (e forse di più). Resta il fatto che lei è e sarà per tutti la «Signora del Cappello». Chi l'ha mai vista a capo scoperto, escluso il marito s'intende, scagli la prima pietra.




La incontro per strada, in bicicletta.
«Giuseppina, voglio farti un servizio fotografico.»
«E' comprensibile...»
«Giuseppina, cerca di capirmi. Non voglio un servizio fotografico… qualunque.»
Mi guarda stupita.
«Ti pare possibile che con me esca un servizio fotografico… qualunque?»
«No, vedi, non so come chiedertelo, ma io voglio… spogliarti.»
Si ferma e mi guarda. Poi capisce.
«Scordatelo!»
«Ti prego, fallo per i miei lettori!»
«Assolutamente no!»
«Dai, lascia che sognino…»
Si gira e mi guarda con fredda determinazione.
«Toglietemi tutto - dice, - ma non toccatemi il mio cappello!»

Comunque sia, ha accettato di posare per noi e un giorno si è presentata da Anna Gaddo, la stilista trentina che mette sempre a nostra disposizione gli abiti esclusivi creati da lei e il suo atelier per fare le foto. Stavolta però Giuseppina ha portato con sè i propri vestiti, che ovviamente erano stati realizzati tutti da Anna Gaddo. In rientro, dunque.






Come abbiamo detto, Anna Gaddo è stata felice di mettere a disposizone l'aterler affinché fotografassimo Donna Giuseppina con le sue creazioni. Ovviamente non potevano mancare i cappelli e, va da sè, ogni abito aveva richiesto il cappello adatto.



Anna Gaddo era piuttosto preoccupata, perché sapeva che avrei tentato il colpo gobbo. Le avevo anticipato che avrei fatto il possibile per spogliarla.
«Non fare sciocchezze! - mi aveva ammonito mentre ci preparavamo. - Guai a te se mi fai perdere una cliente comne lei. E' l'immagine stessa dell'Atelier.»
«Tu lasciami fare il mio lavoro...»





Devo dire che Giuseppina non ha mai avuto un tentennamento, mai un attimo di imbarazzo. Sembrava che lei e la macchina fotografica fossero nate insieme.
Suo marito l'assisteva nel cambio, poi ci lasciava lavorare.




L'eleganza di Giuseppina sta nel suio portamento, mella sua silarità e gioia di vivere, nella sua consapevolezza di essere una Donna. Per questo abbiamo deciso di rergalare ai nostri lettori anche due particolari di cui va fiera: le mani e le caviglie.



Poi, la sorpresa. «Guido preparati! - Grida in modo che la sentano tutti. - Sto per spogliarmi!»
Anna Gaddo si sente mancare, il marito di Giuseppina non muove ciglio.
«Sei pronto?»
«Prontissimo!»
Ed ecco che, sotto gli occhi attoniti di Anna Gaddo e lo sguardo compiaciuto del marito, Giuseppina fa il gran regalo ai nostri lettori. Sì toglie il cappello, che per lei significa ben di più che spogliarsi.



Nella foto storica che segue, il sospiro di Anna e la gioia di Giuseppina.


Quello che succede davanti ad una macchina fotografica, è sempre il miracolo del palcoscenico.
Ecco dunque a voi… Giuseppina Tomasi, per la prima volta… senza cappello.


Guido de Mozzi

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni